SwissWine
SVIZZERA
29.04.21 - 18:430

La pandemia ha frenato la voglia di vino

Il consumo di vino nel 2020 ha subito un forte calo (anche) a causa delle chiusure di bar e ristoranti.

Complessivamente gli svizzeri hanno bevuto quindici milioni di nettare in meno. Il vino svizzero ha però fatto registrare piccoli passi in avanti.

BERNA - Nel 2020, il consumo di vino in Svizzera ha subito un forte calo rispetto all'anno precedente, di circa il 6%. La causa è da ricercare nella chiusura temporanea dei ristoranti e nel divieto di eventi come misure per arginare la diffusione del coronavirus. Il settore vinicolo svizzero ha guadagnato quote di mercato per il quarto anno consecutivo, ma il dato è in gran parte artificiale.

Sono questi i principali elementi che emergono dal rapporto dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) "L'anno viticolo 2020: statistiche vitivinicole" pubblicato oggi.

Complessivamente nella Confederazione lo scorso anno sono stati bevuti 240 milioni di litri, 15 milioni in meno (-5,9%) rispetto al 2019. Il trend per i vini bianchi (-6,5%) e rossi (-5,6%) diverge di poco.

Determinante il declassamento dei DOC - Per quanto concerne il mercato dei vini elvetici, il dato è pure nettamente influenzato dal Covid-19, ma in altro modo. A causa della pandemia, il Consiglio federale nel maggio 2020 ha approvato una misura di sgravio del mercato dei vini svizzeri. Nella fattispecie è stato sostenuto il declassamento di un totale di 7,1 milioni di litri di vini a denominazione di origine controllata (DOC) delle annate 2019 e precedenti in vino da tavola. Conformemente all'ordinanza COVID-19, alle aziende sono stati versati contributi federali per 9,8 milioni di franchi.

Questi 7,1 milioni di litri DOC nelle statistiche dell'UFAG vengono dunque considerati come vino consumato. Ne risulta un leggero aumento dei consumi di vini elvetici rispetto all'anno precedente (+344'700 litri): nel dettaglio si è registrato un incremento di 85'000 litri nel consumo di bianco per un totale di 47,2 milioni di litri (+0,2%) e di 260'000 litri nel consumo di rosso per un totale di 47,7 milioni di litri (+0,6%).

Quota di mercato: su di 0,7 punti - «Contrariamente a quanto sembra suggerire il nome, il vino da tavola non finisce sulle tavole», ha spiegato a Keystone-ATS Florie Marion, responsabile della comunicazione presso l'UFAG. Questo vino parte nell'industria ad esempio per la produzione di aceto o per le miscele di fondue. Non è dunque considerato vino consumato.

Per il 2020 si denota un aumento della quota di mercato dei vini svizzeri che è cresciuta di 2,5 punti, attestandosi al 39,5%. Escludendo però i 7,1 milioni di litri di vino declassato, la quota di mercato è del 37,7% (+0,7 punti). Il settore vinicolo svizzero ha guadagnato quote di mercato per il quarto anno consecutivo, sottolinea l'UFAG.

Cresciuti i consumi di spumante - Per quanto riguarda il consumo di vini esteri, si è registrato un forte calo pari a 15,4 milioni di litri. Rispetto all'anno precedente sono stati consumati 9,6 milioni di litri di rosso in meno e 5,8 milioni di litri di bianco in meno. Il consumo di spumante è cresciuto ancora, del 2,1%, attestandosi a 20,5 milioni di litri. Si tratta dell'unico aumento registrato nel consumo di vino.

Secondo i dati dell'Osservatorio svizzero del mercato del vino (OSMV), ripresi nel rapporto, il cambiamento delle abitudini durante la crisi da coronavirus ha comportato un incremento del fatturato nel commercio al dettaglio. L'aumento delle vendite di vini svizzeri presso otto rivenditori al dettaglio di riferimento è stato del 13,6%, sempre rispetto all'anno precedente. Per i vini esteri, la crescita è stata dell'11,2%. Secondo i calcoli dell'UFAG, l'anno scorso il 30,6% del vino consumato in Svizzera è stato venduto da questi otto rivenditori al dettaglio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
L'ho già scritto tempo fa ma rinfresco la memoria a certi "ristoratori". Cena in quattro, ottima, una bottiglia di Oeil de Perdrix a 48 franchi (vabbè che è uno dei migliori). L'ultimo goccio lo beve la moglie del mio amico e da gentiluomo prendo la bottiglia dal secchiello con tanto di ghiaccio e cosa vedono le mie fosche pupille attacata al fondo incurvato? Un'etichetta del Denner con Fr. 7,80 . Chissà perché li non vado più, a parte l'arrampicata sui vetri del proprietario. Ladroni (non tutti neh ? ) ;-((
Tato50 7 mesi fa su tio
Fosse per me è pandemia tutto l'anno, a parte un bicchiere di rosè alla domenica ;-))
pillola rossa 7 mesi fa su tio
Le "misure di contenimento" hanno bruscamente frenato il piacere alla vita in generale
SteveC 7 mesi fa su tio
Forse non è solo a causa della pandemia, ma anche dai prezzi fuori di testa in tanti dei nostri ristoranti e bar
seo56 7 mesi fa su tio
Bene!! Bella notizia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
9 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
12 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
13 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
13 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
13 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
15 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
16 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
19 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile