Immobili
Veicoli
keystone
ZURIGO
29.04.21 - 22:470

Swiss taglia, vacanze a rischio?

La compagnia aerea sta esaminando il ridimensionamento della flotta.

È probabile che, in tal caso, alcune località di vacanza non verranno più servite ogni giorno.

ZURIGO - Swiss soffre l'impatto che la pandemia ha avuto sulle sue economie. Dichiarando perdite milionarie, la compagnia aerea sta valutando una riduzione della flotta. Ciò avrà conseguenze per il personale e i piani di volo.

Qui di seguito le risposte alle domande più rilevanti:

Cos'è successo?
Swiss non è partita bene nel 2021. Nel primo trimestre, la compagnia aerea ha registrato una perdita di 201 milioni di franchi. Il fatturato è diminuito del 67,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Di conseguenza, Swiss è costretta a considerare il ridimensionamento, anche della propria flotta. La compagnia continua a tacere sui dettagli della ristrutturazione. Interpellata, risponde di essere in una fase di valutazione che stabilirà quali saranno le future dimensioni della compagnia aerea.

In che modo questo influisce sulle tabelle di volo?
Una riduzione della flotta non deve necessariamente significare l'interruzione di alcuni collegamenti aerei, spiega il docente di aviazione William Agius dell'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW). «Ho il sospetto che Swiss prima di tutto correggerà la frequenza di alcune tratte, ad esempio non volando più verso una determinata destinazione ogni giorno, ma forse solo due, tre o quattro volte a settimana». Ciò permetterebbe la flessibilità di cui ha bisogno per reagire ai cambiamenti dovuti alle norme anti-covid.

Devo preoccuparmi delle vacanze estive se voglio viaggiare all'estero?
«A breve termine non vi è alcun rischio che Swiss disponga di un numero insufficiente di aerei per questa estate», afferma Thorsten Merkle, esperto di innovazione nel settore del turismo e dei servizi presso l'Università di scienze applicate dei Grigioni. «Il cambiamento non sarà dall'oggi al domani - spiega -. La riduzione graduale, attraverso la vendita, i contratti di leasing o la rottamazione, richiede molto tempo. Swiss dispone attualmente di risorse, macchine e dipendenti sufficienti per gestire in modo flessibile l'orario dei voli di questa estate».

Quindi niente ostacoli per le vacanze estive?
«L'ostacolo più grande da prendere in considerazione dovrebbero essere le restrizioni delle varie destinazioni. Le compagnie aeree offrono voli in base alla domanda. Quando si tratta di viaggi turistici, i voli verso paesi in cui è facile viaggiare hanno ottime prenotazioni», spiega Merkle. «Il numero di voli verso paesi soggetti a quarantena o classificati come paesi a rischio è molto inferiore. Domanda e offerta sono direttamente proporzionali alle restrizioni di viaggio: il requisito della quarantena è un problema nella maggior parte dei casi».

È per questo che ci sono licenziamenti?
Swiss ha già annunciato che tra il 2020 e il 2021 verranno tagliati 1.000 posti di lavoro. Alla fine dello scorso anno erano già stati tagliati 500 posti. A ottobre, l'allora CEO Thomas Klühr aveva anche lasciato intendere che i tagli avrebbero potuto crescere ancora. «Temiamo licenziamenti di massa», ammette una portavoce del sindacato dell'equipaggio di bordo, Kapers. Perché meno aerei significa meno dipendenti. Il personale di bordo e i piloti sarebbero ugualmente colpiti dallo smantellamento. Ciò sta suscitando preoccupazioni tra i dipendenti: «I giovani in particolare ci contattano perché, secondo il contratto collettivo di lavoro, i licenziamenti avvengono per anzianità», spiega Kapers. I dipendenti più giovani, quindi, saranno i primi ad essere tagliati. Quelli più anziani, d'altra parte, temono il prepensionamento forzato.

Quali aerei stanno scomparendo dalla flotta?
Alcuni piani di smantellamento sono già noti. Ad esempio, quest'anno Swiss prevede di abbandonare cinque aerei A32xceo. In febbraio 20 Minuten aveva appreso da fonti informate che si stava prendendo in considerazione il Boeing 777. Tuttavia, la compagnia aerea ha smentito questa informazione. Secondo Agius, l'Airbus A330-300 potrebbe essere tra quelli che verranno mandati in pensione. «Ciò significa che la flotta a lungo raggio includerebbe solo il Boeing B777-300 e l'Airbus A340-300», spiega. Per le rotte a corto raggio, l'esperto di aviazione presume che i modelli Airbus A320 e A321 potrebbero essere quelli che saranno gradualmente eliminati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
L'Astra Bridge funziona, ma...
L'USTRA traccia un primo bilancio della struttura che per la prima volta viene utilizzata sull'A1
VAUD
2 ore
Siringhe al Balélec: attaccate cinque persone
In quattro si sono presentate in ospedale in seguito al festival, e una quinta ha denunciato l'accaduto in polizia
GINEVRA
2 ore
Il negazionista finisce in cella
Tesi razziste sui social network: un membro del Front National Suisse condannato a tre mesi di carcere
SVIZZERA
3 ore
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
4 ore
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
SVIZZERA
4 ore
Stati Uniti impressionati dalle sanzioni svizzere
La dedizione delle autorità svizzere nell’applicare le sanzioni contro fondi russi ha riscosso l'ammirazione americana.
SVIZZERA
5 ore
«La comunità politica Ue è un'opzione per la Svizzera»
Il presidente del Centro Gerhard Pfister invita il Consiglio federale a valutare la proposta di Emmanuel Macron
FRANCIA / SVIZZERA
15 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
19 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
23 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile