Immobili
Veicoli
tipress
ZURIGO
27.04.21 - 13:300

Si è abbuffato di prestiti Covid: «Volevo restituirli»

Un 30enne zurighese ha fatto carte false per ottenere 80mila franchi dalla Confederazione. Condannato a un anno

ZURIGO - Un uomo di 30 anni è stato condannato oggi a un anno di prigione con la condizionale e a una multa di 2'000 franchi per truffa ai prestiti urgenti Covid-19. Il tribunale del distretto di Dietikon (ZH) l'ha riconosciuto colpevole anche di falsità in documenti.

L'imputato ha dichiarato che la sua azienda realizzava un giro d'affari annuo di 800'000 franchi. Ha così ottenuto un prestito di 80'000 franchi, quattro giorni dopo aver inoltrato la sua richiesta di aiuti d'emergenza. La sua impresa di progettazione aveva in realtà registrato un fatturato di 15'000 franchi annui. Avrebbe quindi avuto il diritto di ricevere soltanto 1'500 franchi.

L'imputato, reo confesso, ha utilizzato i soldi ottenuti per rimborsare debiti privati e pagare premi di assicurazione malattie. Durante l'udienza, l'uomo ha dichiarato che non si considerava un truffatore e aveva sempre avuto l'intenzione di restituire i soldi.

Tutta la vicenda è basata su menzogne, stando al procuratore. Il giorno in cui il 30enne ha ricevuto i soldi, ne ha trasferiti 79'900 sul suo conto privato. Non ha versato alcun franco nella sua impresa. Per il Ministero pubblico, l'uomo ha agito senza vergogna, in modo squallido ed egoista. Per questo motivo nei suoi confronti è stata chiesta una pena di un anno di prigione con la condizionale.

L'avvocato difensore ha invece domandato la sua assoluzione. A suo dire, il suo cliente dovrebbe essere condannato al massimo a una multa di 2'000 franchi, visto che non ha agito in modo fraudolento. Inoltre, alla banca non sarebbe stato difficile scoprire che l'imputato aveva fatto una falsa dichiarazione, poiché un giro d'affari di 800'000 franchi non era plausibile.

Nella sua sentenza, il tribunale ha definito "antisociale" il comportamento dell'uomo. L'imputato ha abusato di una situazione di crisi per il suo profitto personale. Il giudice ha quindi ritenuto che si dovesse dar prova di una certa severità di fronte a simili casi. La sentenza non è ancora definitiva e può essere impugnata presso il tribunale cantonale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
51 min
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
SVIZZERA
1 ora
Stati Uniti impressionati dalle sanzioni svizzere
La dedizione delle autorità svizzere nell’applicare le sanzioni contro fondi russi ha riscosso l'ammirazione americana.
SVIZZERA
2 ore
«La comunità politica Ue è un'opzione per la Svizzera»
Il presidente del Centro Gerhard Pfister invita il Consiglio federale a valutare la proposta di Emmanuel Macron
FRANCIA / SVIZZERA
11 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
16 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
20 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
21 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
23 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
1 gior
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile