keystone
SVIZZERA
26.04.21 - 10:240
Aggiornamento : 11:40

Che anno nero per i turisti fai-da-te

L'ombundsman ha trattato il 50 per cento dei casi in più l'anno scorso

ZURIGO - L'ombudsman del settore viaggi l'anno scorso ha trattato 1933 dossier, con un aumento del 54% rispetto al 2019. I "grandi perdenti" sono stati gli svizzeri che avevano prenotato autonomamente le loro vacanze su Internet.

Dal rapporto 2020 è emerso che queste piattaforme online funzionano in modo soddisfacente solo "quando tutto va bene", ma non in annate eccezionali come quella pandemica, si legge in una nota odierna.

La mancata consulenza o l'incapacità di assistere la clientela ha portato taluni viaggiatori alla disperazione. Sono stati effettuati pochi cambiamenti di prenotazione, i rimborsi sono stati rinviati alle calende greche o respinti con motivazioni diverse.

In questi casi, l'ombudsman non è potuto intervenire. Ha auspicato tuttavia che alcune di queste persone si rivolgano in futuro ancora a un'agenzia di viaggio. La prenotazione offre infatti, oltre a una consulenza specifica, anche una maggiore sicurezza grazie a vari fondi di garanzia.

Nel rapporto, l'ombudsman ha pure criticato la legge federaleconcernente i viaggi "tutto compreso", che con le sue severe valutazioni e con i suoi paragrafi sul comportamento degli organizzatori in caso di annullamento di viaggi provoca conseguenze fatali per il settore del turismo.

Duplice lavoro

L'accento lo scorso anno è stato quindi posto sugli annullamenti, anziché sulle nuove prenotazioni o su quelle esistenti, ciò che ha condotto a un duplice lavoro.

Secondo il rapporto dell'ombudsman, la pandemia ha mostrato all'industria dei viaggi che le modalità di retribuzione del lavoro non possono essere mantenute in questa forma.

Poco soddisfacente è stato infine il comportamento della maggior parte degli assicuratori di viaggio, che si sono spesso esentati dall'obbligo di fornire prestazioni a causa della pandemia, conclude l'ombudsman.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
5 ore
Keller-Sutter: «Il 2G è il prossimo possibile passo»
Un obbligo vaccinale, anche solo per determinate categorie, non viene invece preso in considerazione.
SVIZZERA
7 ore
Cosa abbiamo chiesto a Google nel 2021?
Il colosso del Web ha pubblicato le classifiche dei termini più ricercati dell'anno in Svizzera.
GINEVRA
8 ore
Il cane poliziotto salva un anziano nel bosco
L'uomo è stato rinvenuto in stato di ipotermia, ma cosciente.
ZURIGO 
9 ore
Il Presidente di Credit Suisse ha violato l'obbligo di quarantena
Doveva restare a casa, invece è volato con un jet privato nella penisola iberica.
BERNA
10 ore
Morto per aver usato il telefonino durante il volo
Il SISI ha chiarito le circostanze che hanno portato allo schianto un esperto pilota di alianti, nel 2016.
SVIZZERA
10 ore
Morto l'ex presidente di Novartis e UBS Alex Krauer
Era stato pure uno degli artefici della fusione tra Ciba-Geigy e Sandoz.
SVIZZERA
13 ore
Il ministro meno amato? «Preferisco restare fedele alle mie idee»
Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.
ZURIGO
13 ore
Shopping da record a Natale, nonostante il Covid
Gli svizzeri spenderanno oltre 300 franchi a testa per i regali.
VAUD
13 ore
Si ubriaca con le allieve e ci dorme assieme. Addio insegnamento
Per l'Alta Corte il funzionario pubblico «non è più degno di rimanere in carica».
BERNA
14 ore
Secondo pilastro, primo sì alla riforma
Per la maggioranza del Consiglio nazionale l'abbassamento di 0,8 punti dell'aliquota di conversione è indispensabile
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile