Keystone (archivio)
Il comune sangallese non vuole che si ripetano i fatti di Liestal.
SAN GALLO
23.04.21 - 11:480

Il monito ai no-mask: «Non venite a Rapperswil-Jona»

La polizia cantonale avverte i manifestanti che intendono protestare nonostante il divieto imposto dalla Città.

La marcia, organizzata dall'organizzazione "Stiller Protest" e che avrebbe dovuto aver luogo domani, non è stata infatti autorizzata dal Comune.

SAN GALLO - Come noto il Comune di Rapperswil-Jona non ha autorizzato la marcia di protesta organizzata dagli oppositori alle misure contro la pandemia che avrebbe dovuto aver luogo domani. Ma nonostante il divieto, le autorità locali si aspettano che qualche "no mask" ribelle si presenti comunque all'appuntamento. 

Per questo motivo la polizia cantonale di San Gallo, alla vigilia, lancia un monito agli eventuali trasgressori. «Non venite a Rapperswil-Jona. Assumetevi le vostre responsabilità nel rispetto della vostra salute, di quella degli altri e di quella degli agenti».

I precedenti - Dietro alla manifestazione (bocciata) di Rapperswil-Jona troviamo l'associazione "Stiller Protest" (Protesta silenziosa), creata da una famiglia dell'Oberland zurighese. Lo stesso gruppo aveva riunito circa ottomila persone, la maggior parte senza mascherina, lo scorso 20 marzo a Liestal (BL). La prima loro marcia si era invece tenuta in novembre a Zurigo con circa 50 partecipanti. In dicembre si sono tenute manifestazioni analoghe, con qualche centinaia di persone, a San Gallo, Aarau, Wohlen (AG) e Zugo. Mentre dall'inizio di marzo le proteste sono aumentate d'intensità con i quattromila di Coira e gli ottomila di Liestal.  Un altro evento sul generis - previsto il 10 aprile in una fattoria alla periferia di Altdorf - era stato bocciato dal Governo del canton Uri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 5 mesi fa su tio
Il problema non è la protesta in se', ma come la si fa. Se si fa pacificamente ( e si puo' benissimo far capire le proprie convinzioni), va bene , quando invece è lo spunto per dar sfogo alla violenza e fare danni questo va condannato. E chi fa danni li deve poi pagare di tasca propria e non il solito sfigato contribuente.
pillola rossa 5 mesi fa su tio
@volabas56 La violenza viene spesso attuata dagli antagonisti per gettare discredito sui dimostranti.
Lore61 5 mesi fa su tio
Adesso ci vuole l'autorizzazione per protestare... Questi sono fuori di testa, è come se per fare una guerra si deve chiedere il permesso XD. Se uno protesta è perché non gli va le imposizioni, quindi le fa comunque, che lo vogliano o no!
Tato50 5 mesi fa su tio
@Lore61 Un conto è protestare civilmente ma purtroppo certi energumeni ne approfittano per sfogare la loro dabbenaggine spaccando tutto quello che gli capita sottomano. Sono questi da isolare e purtroppo ci sarebbe una sola soluzione ;-((
pillola rossa 5 mesi fa su tio
Dimostrate che la mask previene la diffusione dei virus, poi definite che chi non la porta è un ribelle, altrimenti è solamente una persona razionale.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 sec
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
24 min
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
2 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
3 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
SVIZZERA
13 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
17 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
22 ore
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
ZURIGO
23 ore
Lite con coltello: due feriti e quattro arresti
È successo nelle prime ore di domenica alla stazione ferroviaria di Zurigo Stadelhofen
LUCERNA
1 gior
«Sembra che si vogliano far morire le persone anziane»
Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19
VAUD
1 gior
Mortale a Bullet: la vittima è un 16enne
Il ragazzo stava guidando la sua moto con il fratello minore di 14 anni. Aperta un'inchiesta sulla dinamica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile