AFP
SVIZZERA
22.04.21 - 16:150

«Non falsificabile e riconosciuto a livello internazionale»

Secondo l'UFSP il nuovo certificato Covid-19 che verrà sviluppato entro l'estate dovrà avere questi due crismi.

Una decisione sulle varianti esistenti verrà presa a metà maggio.

BERNA - Come già annunciato ieri dal Consiglio federale, la Confederazione svilupperà entro l'estate un certificato Covid. Questo documento dovrà essere «non falsificabile» e «riconosciuto a livello internazionale», ha spiegato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Una decisione sulle varianti esistenti verrà presa a metà maggio.

In virtù della legge Covid-19, tutte le persone vaccinate, guarite o con test negativo recente devono poter ricevere un certificato. Sarà garantita la memorizzazione decentralizzata dei dati e la compatibilità con il documento simile proposto dall'Unione europea (Ue). Il tutto sarà disponibile sia in forma cartacea che digitale, si legge in un comunicato.

L'UFSP ha deciso di proseguire fino a maggio con due approcci tecnici: una soluzione proposta dall'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione (UFIT) e una di SICPA/ELCA. Nei lavori del progetto sono coinvolti i Cantoni, l'associazione professionale dei medici svizzeri (FMH), pharmaSuisse nonché i medici e i farmacisti che effettuano le vaccinazioni.

Al momento si presta particolare attenzione alla sicurezza del sistema. Non appena tutto sarà pronto, verrà testato da specialisti interni ed esterni. Quando si esibirà il certificato, bisognerà identificarsi anche con un documento come passaporto o carta d'identità.

Il certificato potrà essere usato per viaggiare e, come spiegato ieri dal consigliere federale Alain Berset in conferenza stampa, potrebbe anche essere utilizzato per accedere a determinate manifestazioni. Idea questa che non è piaciuta per nulla all'epidemiologo Marcel Salathé che - in un'intervista odierna rilasciata ai giornali di Tamedia - ha espresso tutta la propria indignazione. «Mi inquieta il fatto che gli anticorpi presenti nel mio sangue determinino dove posso e non posso andare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 7 mesi fa su tio
Queste sì che sono certezze!
ChB 7 mesi fa su tio
Chi siete ... dove andate ... un fiorino ...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Roche prepara il test antigenico per Covid e influenza
Il kit combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti
SVIZZERA
10 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
17 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
17 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
18 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
20 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
22 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
23 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
1 gior
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
1 gior
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile