keystone
BERNA
22.04.21 - 10:330

Sulla strada della stabilizzazione dopo il caso Lauber

Questa la conclusione tratta dall'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione

Michael Lauber ha lasciato anticipatamente il suo incarico, sull'onda delle polemiche suscitate dai suoi incontri col presidente della FIFA Gianni Infantino, alla fine di agosto 2020 e da allora il MPC è guidato da due sostituti

BERNA - Dopo la partenza del procuratore federale Michael Lauber, il Ministero pubblico della Confederazione è sulla strada della stabilizzazione. Lo scrive nel suo rapporto annuale per il 2020 l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC).

L'autorità ha accompagnato la gestione provvisoria del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) durante l'anno scorso, sottolinea il comunicato. Michael Lauber ha lasciato anticipatamente il suo incarico, sull'onda delle polemiche suscitate dai suoi incontri col presidente della FIFA Gianni Infantino, alla fine di agosto 2020 e da allora il MPC è guidato da due sostituti.

L'anno 2020 è stato per l'autorità di vigilanza uno dei più intensi da quando ha iniziato la sua attività, in cui si specifica che il lavoro è stato segnato dal "caso Lauber", alla fine sanzionato con una riduzione di stipendio per una grave mancanza dei suoi doveri d'ufficio, e dal coronavirus.

Alla fine di giugno, l'AV-MPC ha nominato Stefan Keller quale procuratore federale straordinario. L'autorità lo ha incaricato di indagare sulle accuse contro Lauber, Gianni Infantino e altre persone. Il procedimento penale è attualmente in corso.

L'autorità di vigilanza è composta di sette membri. L'organo di esperti lavora indipendentemente dal parlamento, sebbene i suoi membri siano eletti dall'Assemblea federale per un mandato di quattro anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
28 min
Più tasse sulle sigarette? I fumatori diminuiscono
La Svizzera ha attualmente la più bassa pressione fiscale in Europa e ciò deve cambiare, secondo due associazioni
SVIZZERA
1 ora
Dopo 24 anni tocca a un ticinese
Ignazio Cassis è stato eletto alla presidenza della Confederazione con 156 voti. Il suo vice sarà Alain Berset.
SVIZZERA
1 ora
Sospetto islamista: «In Svizzera non può entrare»
Il Tribunale Amministrativo Federale ha respinto il ricorso di un cittadino francese, oggetto di un divieto di 5 anni
GRIGIONI
3 ore
Hotel a cinque stelle vittima di un attacco hacker
I criminali informatici hanno colpito il Waldhaus di Flims, rubando dati di dipendenti e ospiti.
GRIGIONI
5 ore
Il lupo come "vicino" durante l'inverno
Gli avvistamenti possono essere più frequenti durante la stagione fredda ma «non c'è un pericolo maggiore per l'uomo»
BERNA
5 ore
È il giorno di Cassis presidente
L'elezione da parte delle Camere federali avverrà verso le 12. L'ultimo ticinese a ricoprire la carica fu Flavio Cotti
SVIZZERA
5 ore
Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense
Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare
SONDAGGIO ELETTORALE TAMEDIA
7 ore
Quale partito intendete votare?
L'appuntamento con le prossime elezioni federali è previsto il 22 ottobre 2023. Oggi chi votereste?
Berna
13 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
17 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile