keystone
BERNA 
22.04.21 - 10:240

Mascherine: «L'esercito non ha fatto gravi errori»

Questa la conclusione tratta dopo le critiche alla Farmacia dell'esercito sulla gestione degli approvvigionamenti.

Questa, era stata accusato di aver comprato troppe mascherine, di scarsa qualità e di avere creato troppe scorte.

BERNA  - L'esercito non ha comprato troppe mascherine protettive all'inizio della pandemia di Covid-19. Ma miglioramenti della procedura di acquisto devono essere fatti. È la conclusione di una verifica interna del Dipartimento federale della difesa (DDPS).

Troppe mascherine e scarse - La consigliera federale Viola Amherd ha commissionato un audit per far luce sulla questione dopo che la Farmacia dell'esercito, lo scorso anno, era stata criticata per aver comprato troppe mascherine, per la scarsa qualità e per avere creato troppe scorte. Viste le conclusioni rese note oggi, la ministra della Difesa ha chiesto di mettere in pratica entro la fine dell'anno una serie di raccomandazioni avanzate nel rapporto dei revisori.

Quasi 200 milioni di franchi - All'epoca, la Farmacia dell'esercito dovette ordinare 550 milioni di mascherine in pochi mesi per conto dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Ne ha acquistate 302 milioni, di cui 287 milioni igieniche, 6 milioni di KN95/N95 e 9 milioni di FFP2/FFP3. Il tutto per 195 milioni di franchi, precisa il rapporto.

Per quanto concerne il prezzo, tutto indica che il materiale è stato acquistato a condizioni di mercato. Data l'alta domanda, l'offerta limitata e l'urgenza di fornire un numero sufficiente, era inevitabile che i prezzi delle attrezzature mediche aumentassero in maniera vertiginosa.

Il mandato del Consiglio federale è quindi stato adempiuto. È stato un contributo essenziale per evitare un collasso del settore sanitario svizzero e per fornire alla popolazione un equipaggiamento di protezione, notano i revisori.

Transazioni non tutte in regola - Per contro, non tutte le transazioni d'acquisto hanno rispettato i regolamenti dell'Aggruppamento Difesa. Durante la crisi, alcune commesse che superavano i 10 milioni di franchi non sono state firmate dal capo dell'esercito, come previsto dal regolamento, ma solo dal capo di Stato Maggiore e dal capo delle Finanze dell'Aggruppamento Difesa. E tale pratica è continuata, criticano i revisori. Un'eccezione al tetto di spesa poteva e doveva essere regolata temporaneamente. Si dovrebbe quindi rivedere completamente i regolamenti delle competenze esistenti nell'Aggruppamento Difesa.

Per evitare lacune nei controlli durante lo svolgimento degli acquisti, il rapporto auspica l'applicazione della cosiddetta procedura "3-way-watch", la quale assicura che le merci ordinate, quelle ricevute e quelle fatturate dai fornitori corrispondano.

In sospeso il discorso qualità - Riguardo alla qualità delle mascherine igieniche e di protezione delle vie respiratorie in magazzino, il rapporto chiede di chiarire i punti ancora in sospeso. L'esame delle condizioni contrattuali dei fornitori non ha rivelato nulla di essenziale in merito.

Uno sguardo critico è stato indirizzato anche ai vari "comitati Covid" istituiti all'interno del DDPS all'inizio dell'anno scorso. L'impiego di comitati ad hoc in tempi di crisi dovrebbe essere rivisto, poiché il rischio è che alcune funzionari non siano più responsabili in materia fra il momento della crisi e il ritorno alla normalità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 4 mesi fa su tio
Ma c’è ancora qualcuno che si stupisce ?
vulpus 4 mesi fa su tio
Non dicono dove sono finite quelle che erano di scarsa qualità. Ma manca ancora qualche informazione sui famosi test fai da tè: 20 milioni di pezzi. Ma quanto saranno costati? E ora gli specialisti cantonali dicono che non servono praticamente a nulla.
Amir 5 mesi fa su tio
Che tristezza...questi se la suonano e se la cantano da soli...
YanNick 5 mesi fa su tio
L'esercito non ha fatto gravi errori? all'inizio della pandemia per 1 mese e mezzo avevamo a disposizione 1 sola mascherina a testa che alla sera doveva essere APPESA PER FARLA ASCIUGARE.... se la perdevi erano cavoli tuoi, se si rompeva erano cavoli tuoi, disinfettante finito abbiamo aspettato 2/3 settimane per avere 20 barattoli in una caserma da 200 e passa reclute.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
1 ora
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
2 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
SVIZZERA
2 ore
Crisi cardiache: per paura del virus si muore a casa
Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi
SVIZZERA
18 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
19 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
20 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
21 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
22 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
22 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile