Immobili
Veicoli
AFP
SVIZZERA
22.04.21 - 23:030

«Questo è un obbligo di vaccinazione nascosto»

Quando almeno il 40-50% della popolazione sarà immunizzato, potrebbero scattare dei privilegi

Gli scettici del vaccino si sentono presi in giro dalle autorità federali: «Il Consiglio federale aveva detto chiaramente che non ci saranno limitazioni sociali o professionali»

Fonte 20 Minuten / Leo Hurni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Ingresso consentito soltanto ai vaccinati, alle persone con un test negativo o ai guariti. Non appena il 40-50% della popolazione sarà completamente vaccinata (quindi con due dosi), dovrebbero scattare accessi selettivi per «i luoghi con alto rischio di contagio», come ha annunciato mercoledì il Consiglio federale. Si pensa per esempio a grandi eventi, bar o discoteche. In vista di questo passo si sta pertanto sviluppando un certificato Covid uniforme e a prova di falsificazione che sia facilmente verificabile.

Con la decisione del Governo federale, aumenta la pressione vaccinale sulla popolazione, afferma Richard Koller, promotore dell'iniziativa “Stop all'obbligo di vaccinazione”. E critica «l'obbligo di vaccinazione nascosto» che sta prendendo piede in Svizzera. «Il Consiglio federale aveva detto chiaramente che non ci saranno limitazioni sociali o professionali per le persone non vaccinate» ricorda Koller.

Il promotore dell'iniziativa si è fatto vaccinare contro più malattie. Ma non intende farlo per il coronavirus. «Rispetto al tasso di mortalità del Covid, per me la vaccinazione è troppo pericolosa e troppo poco studiata». E osserva: «Se la politica e la scienza devono spingere il vaccino praticamente con un obbligo nascosto, allora non può essere un bene per le persone».

«Non ci fidiamo» - Koller non è il solo a pensarla così. Sono infatti già oltre 36'000 i cittadini che hanno sottoscritto la sua iniziativa. E trova anche il sostegno della consigliera nazionale Yvette Estermann, che di formazione e medico e omeopata. La deputata difende gli scettici del vaccino: «Comprendo pienamente la loro posizione, in quanto il vaccino contro il coronavirus ha ancora molti effetti collaterali negativi. Da possibili conseguenze a lungo termine, a gravi danni fino a casi di morte».

Il certificato di vaccinazione è quindi una chiara discriminazione nei confronti di coloro che non intendono farsi vaccinare. Pertanto Estermann chiede al Consiglio federale di parlare maggiormente degli effetti negativi dei preparati. «Su questo aspetto ci vuole più trasparenza. Nella situazione attuale, noi non ci fidiamo del vaccino».

Swissmedic nega i pericoli - Ma Swissmedic, l'autorità svizzera di omologazione e controllo dei medicamenti e dei dispositivi medici, che ha anche approvato i preparati di Moderna e Pfizer/BioNTech, lo dice chiaramente: il timore che la vaccinazione porti a gravi effetti collaterali negativi non è giustificato. «In considerazione del tempo di osservazione relativamente breve, incertezze e domande sono comprensibili. Tuttavia, sinora ci sono stati pochissimi effetti collaterali veramente gravi» afferma il portavoce Lukas Jaggi. Un numero bassissimo se messo in relazione alle milioni di somministrazioni in tutto il mondo. Per la sola Svizzera si parla di una notifica ogni 1'000 dosi.

Jaggi respinge anche la critica secondo cui la vaccinazione non sia ancora stata studiata a sufficienza. «Anche se, visti i rapidi tempi di sviluppo, alcune preoccupazioni della popolazione sono comprensibili, questa paura non è però giustificata». Swissmedic ha verificato la documentazione rapidamente, ma con attenzione e in modo approfondito. «Delle nostre decisioni ci si può fidare. Speriamo che il nostro lavoro scrupoloso non diminuisca ma aumenti la disponibilità a farsi vaccinare» conclude Jaggi.

Nella conferenza stampa di mercoledì, il ministro della sanità Alain Berset ha respinto l'accusa secondo cui il Consiglio federale starebbe introducendo un obbligo di vaccinazione nascosto: «La nostra strategia non ha nulla a che fare con un obbligo di vaccinazione. In questo paese spetta al cittadino decidere se vuole farsi vaccinare o meno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
3 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
4 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
7 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
8 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
8 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
10 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
11 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
14 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
16 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile