AFP
SVIZZERA
22.04.21 - 23:030

«Questo è un obbligo di vaccinazione nascosto»

Quando almeno il 40-50% della popolazione sarà immunizzato, potrebbero scattare dei privilegi

Gli scettici del vaccino si sentono presi in giro dalle autorità federali: «Il Consiglio federale aveva detto chiaramente che non ci saranno limitazioni sociali o professionali»

Fonte 20 Minuten / Leo Hurni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Ingresso consentito soltanto ai vaccinati, alle persone con un test negativo o ai guariti. Non appena il 40-50% della popolazione sarà completamente vaccinata (quindi con due dosi), dovrebbero scattare accessi selettivi per «i luoghi con alto rischio di contagio», come ha annunciato mercoledì il Consiglio federale. Si pensa per esempio a grandi eventi, bar o discoteche. In vista di questo passo si sta pertanto sviluppando un certificato Covid uniforme e a prova di falsificazione che sia facilmente verificabile.

Con la decisione del Governo federale, aumenta la pressione vaccinale sulla popolazione, afferma Richard Koller, promotore dell'iniziativa “Stop all'obbligo di vaccinazione”. E critica «l'obbligo di vaccinazione nascosto» che sta prendendo piede in Svizzera. «Il Consiglio federale aveva detto chiaramente che non ci saranno limitazioni sociali o professionali per le persone non vaccinate» ricorda Koller.

Il promotore dell'iniziativa si è fatto vaccinare contro più malattie. Ma non intende farlo per il coronavirus. «Rispetto al tasso di mortalità del Covid, per me la vaccinazione è troppo pericolosa e troppo poco studiata». E osserva: «Se la politica e la scienza devono spingere il vaccino praticamente con un obbligo nascosto, allora non può essere un bene per le persone».

«Non ci fidiamo» - Koller non è il solo a pensarla così. Sono infatti già oltre 36'000 i cittadini che hanno sottoscritto la sua iniziativa. E trova anche il sostegno della consigliera nazionale Yvette Estermann, che di formazione e medico e omeopata. La deputata difende gli scettici del vaccino: «Comprendo pienamente la loro posizione, in quanto il vaccino contro il coronavirus ha ancora molti effetti collaterali negativi. Da possibili conseguenze a lungo termine, a gravi danni fino a casi di morte».

Il certificato di vaccinazione è quindi una chiara discriminazione nei confronti di coloro che non intendono farsi vaccinare. Pertanto Estermann chiede al Consiglio federale di parlare maggiormente degli effetti negativi dei preparati. «Su questo aspetto ci vuole più trasparenza. Nella situazione attuale, noi non ci fidiamo del vaccino».

Swissmedic nega i pericoli - Ma Swissmedic, l'autorità svizzera di omologazione e controllo dei medicamenti e dei dispositivi medici, che ha anche approvato i preparati di Moderna e Pfizer/BioNTech, lo dice chiaramente: il timore che la vaccinazione porti a gravi effetti collaterali negativi non è giustificato. «In considerazione del tempo di osservazione relativamente breve, incertezze e domande sono comprensibili. Tuttavia, sinora ci sono stati pochissimi effetti collaterali veramente gravi» afferma il portavoce Lukas Jaggi. Un numero bassissimo se messo in relazione alle milioni di somministrazioni in tutto il mondo. Per la sola Svizzera si parla di una notifica ogni 1'000 dosi.

Jaggi respinge anche la critica secondo cui la vaccinazione non sia ancora stata studiata a sufficienza. «Anche se, visti i rapidi tempi di sviluppo, alcune preoccupazioni della popolazione sono comprensibili, questa paura non è però giustificata». Swissmedic ha verificato la documentazione rapidamente, ma con attenzione e in modo approfondito. «Delle nostre decisioni ci si può fidare. Speriamo che il nostro lavoro scrupoloso non diminuisca ma aumenti la disponibilità a farsi vaccinare» conclude Jaggi.

Nella conferenza stampa di mercoledì, il ministro della sanità Alain Berset ha respinto l'accusa secondo cui il Consiglio federale starebbe introducendo un obbligo di vaccinazione nascosto: «La nostra strategia non ha nulla a che fare con un obbligo di vaccinazione. In questo paese spetta al cittadino decidere se vuole farsi vaccinare o meno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera
VAUD
7 ore
A piedi in A1, muore investita
Una 27enne è deceduta ieri sera all'uscita di Nyon. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
7 ore
Altri 1240 contagi in Svizzera
I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 10. Il bollettino giornaliero dell'UFSP
ZURIGO
8 ore
Oltre ottanta vetture modificate nella rete della polizia
È un bilancio di una serie di controlli effettuati in sedici giorni dalle autorità zurighesi
FOTO
ZURIGO
9 ore
La koala Pippa è morta di leucemia
È il terzo marsupiale dello Zoo di Zurigo che perde la vita a causa del retrovirus negli ultimi anni.
FOTO
SAN GALLO
10 ore
A nove mesi dalla tragedia è stata ritrovata anche la quarta vittima
L'incidente di canyoning si era verificato il 12 agosto 2020 tra le gole del Parlitobel nei pressi di Vättis.
ZURIGO 
11 ore
Miliardari: otto svizzeri fra primi 500 al mondo
Ma a dominare restano gli americani che tra l'altro occupano l'intero podio della classifica.
GRIGIONI
13 ore
Vaccino disponibile anche presso i medici di famiglia
Le quantità saranno distribuite secondo le priorità previste dal piano di vaccinazione cantonale.
SVIZZERA
22 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
1 gior
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile