keystone
BERNA
21.04.21 - 15:000
Aggiornamento : 16:57

Nessun altro allentamento fino al 26 maggio

La strategia del Consiglio federale: un modello a tre fasi.

La durata delle singole fasi dipenderà dalla volontà di farsi vaccinare dei relativi gruppi di popolazione e dall’andamento della campagna di vaccinazione.

BERNA - Più persone si vaccineranno e meno chiusure o limitazioni della capienza saranno necessarie per impedire il sovraccarico del sistema sanitario. In ogni caso, considerate le aperture in vigore da lunedì, fino al 26 maggio non saranno possibili ulteriori allentamenti.

Con un modello a tre fasi, il Consiglio federale indica oggi come intende procedere strategicamente fintanto che non saranno state vaccinate tutte le persone adulte che lo desiderano e non potranno essere abrogati per gran parte i provvedimenti di protezione dalla COVID-19.

Qui di seguito le tre fasi:

Fase 1 (di protezione): vaccinazione delle persone particolarmente a rischio

La fase di protezione durerà fintanto che non sono state vaccinate completamente (ossia con due dosi) tutte le persone particolarmente a rischio che lo desiderano.

Se la volontà di farsi vaccinare di questo gruppo è del 75 per cento, il Consiglio federale prevede che questa fase si concluderà a fine maggio 2021. Tenuto conto della necessità di proteggere le persone a rischio non ancora vaccinate, degli allentamenti in vigore dal 19 aprile 2021 e della comunque fragile situazione epidemiologica, non saranno possibili ulteriori allentamenti prima del 26 maggio 2021.

Il Consiglio federale farà il punto della situazione il 12 maggio 2021 e, se necessario, porrà in consultazione un pacchetto di allentamenti.

Fino ad allora occorrerà mantenere i provvedimenti di protezione vigenti onde evitare un aumento incontrollato dei casi e quindi un incremento dei ricoveri e dei decessi. Il Consiglio federale ha definito degli indicatori per valutare la situazione epidemiologica. Se i valori di alcuni o più di questi indicatori saranno superati, il Consiglio federale vaglierà e deciderà eventuali inasprimenti. Il consigliere federale Alain Berset invita a continuare a testarsi: «Al momento il numero di tamponi tende a diminuire e questo è preoccupante».

Fase 2 (di stabilizzazione): accesso alla vaccinazione per l’intera popolazione adulta

Durante questa fase non sono ancora state vaccinate tutte le persone che desiderano proteggersi. Esperienze provenienti dall’estero mostrano che con un forte aumento delle vaccinazioni bisogna fare i conti con una nuova accelerazione dei contagi poiché l’accettazione delle misure di protezione cala progressivamente. Pertanto, anche per questa fase, il Consiglio federale ha definito indicatori per eventuali inasprimenti. In tale contesto, il numero di casi può essere superiore a quello della fase di protezione, mentre il valore Re, l’occupazione dei reparti di cure intense e i ricoveri restano stabili.

Nella fase di stabilizzazione si dispone di grandi quantità di vaccini e l’intera popolazione adulta può farsi vaccinare. Se la volontà di farsi vaccinare della popolazione è del 60 per cento (stime basate su sondaggi), si parte dal presupposto che tutti gli adulti che lo desiderano abbiano ricevuto almeno una dose entro fine giugno.

La conclusione di questa fase dipende dalla volontà di farsi vaccinare della popolazione. Si può ipotizzare che la popolazione adulta sarà vaccinata completamente (ossia con due dosi) entro fine luglio 2021, a patto che non vi siano ulteriori problemi di fornitura da parte dei fabbricanti e le vaccinazioni proseguano secondo programma.

Se il numero dei casi, dei ricoveri e dei posti letto occupati nelle cure intense sono stabili, per questa fase sono previste ulteriori fasi di allentamento, la prima eventualmente il 26 maggio 2021. Sono possibili, per esempio, le lezioni presenziali nelle scuole universitarie e la sostituzione dell’obbligo del telelavoro con una raccomandazione. Il presupposto è che gli istituti di formazione e le aziende adottino piani che permettano l’esecuzione regolare di test.

Sono altresì possibili ulteriori allentamenti per le attività sportive e del tempo libero nonché nel commercio al dettaglio e, se la situazione epidemiologica lo permette, anche la riapertura dei locali interni dei ristoranti.

Ulteriori possibili allentamenti graduali in questa fase riguardano i luoghi ad alto rischio di trasmissione, come grandi manifestazioni, bar o discoteche. Se la copertura vaccinale ha raggiunto il 40-50 per cento circa, deve essere introdotto un accesso selettivo per le persone vaccinate, con test negativo e guarite.

Quale documento giustificativo si sta attualmente sviluppando un certificato unico, non falsificabile e facilmente verificabile (certificato COVID-19). «Sarà introdotto nel corso del mese di giugno», ha spiegato Berset.

Fase 3 (di normalizzazione): abrogazione dei provvedimenti

La fase di normalizzazione inizia quando sono state vaccinate completamente tutte le persone adulte che lo desiderano. Secondo il Consiglio federale, le forti restrizioni sociali ed economiche a questo punto non sono più giustificate. I provvedimenti restanti (limitazioni di accesso e della capienza) devono essere abrogati gradualmente. Bisogna perseguire questa strategia anche se la volontà di farsi vaccinare della popolazione resta più bassa di quanto previsto.

Anche dopo aver vaccinato tutte le persone che lo desiderano, il virus continuerà a circolare. Si presume che per lungo tempo si verificheranno contagi tra le persone non vaccinate e non guarite. Più grande sarà il numero di queste persone, maggiori saranno la probabilità di potenziali focolai e il numero di decorsi gravi e decessi. La vaccinazione gratuita costituisce uno strumento altamente efficace per proteggersi individualmente dal contagio e dalla malattia.

Il Consiglio federale terrà conto di questo aspetto in occasione delle sue decisioni future e nel contempo rispetterà la scelta personale di farsi vaccinare o meno di ogni singolo cittadino. Per impedire una nuova ondata della malattia e il sovraccarico del sistema sanitario, è tuttavia fondamentale che il maggior numero possibile di abitanti della Svizzera si faccia vaccinare.

Se, malgrado tutto, il quadro epidemiologico dovesse peggiorare e fare temere un sovraccarico del sistema sanitario, il Consiglio federale si riserva di reintrodurre o mantenere per un certo tempo alcuni provvedimenti, come l’obbligo della mascherina, i piani di protezione, le regole di distanziamento o le limitazioni della capienza. Questi provvedimenti devono tuttavia valere soltanto per le persone che non possono esibire un certificato COVID-19.

Il momento delle domande:

La task force prevede un ulteriore aumento del numero di casi: il Consiglio federale vede la situazione in modo diverso?
Berset: La situazione non è più paragonabile a quella dell'anno scorso. La campagna di vaccinazione ha avuto un grande impatto sugli anziani. Vogliamo un ritorno alla normalità. Nella seconda fase potremo convivere con un'incidenza maggiore grazie alla vaccinazione.

Saranno possibili inasprimenti limitati a determinate aree geografiche?
Berset: Abbiamo annunciato le misure a livello federale; ma i Cantoni possono anche stabilire misure supplementari. Tuttavia, l'incidenza è più o meno la stessa in tutto il Paese. Oggi non vedo sviluppi particolarmente negativi. Ma dobbiamo essere sempre in grado di reagire e adattarci. Non sono molti i Paesi in Europa che hanno le terrazze o le attività sportive aperte.

Che dire di ristoranti, sport e grandi eventi?
Berset: Per quanto riguarda l'interno dei ristoranti, abbiamo già preso una decisione importante con le terrazze. Prima della fine della prima fase, però, è difficile prevedere allentamenti ulteriori.

Per quanto riguarda lo sport, nella seconda fase - quando verso fine giungo tutti avranno accesso alle vaccinazioni - lo sport vedrà ulteriori allentamenti. I grandi eventi sono una questione diversa. Nella fase di normalizzazione dovrebbero esserci nuovamente eventi importanti, la domanda è se l'accesso sarà possibile solo con un certificato vaccinale. Un aspetto, questo, che dovremo discutere.

Il Consiglio federale ha acquistato pochi vaccini e troppo tardi?
Berset: Oggi vediamo i risultati del lavoro di un anno fa. Abbiamo dovuto scegliere tra più di 100 prodotti. Dovevi trovare quelli giusti e comprarli. Abbiamo avuto accesso ai due vaccini migliori dalla fine di dicembre. Certo, durante una crisi si commettono errori. Ma non è questo il caso.

Ci sarà la vaccinazione obbligatoria?
Berset: No. Stiamo lavorando al certificato vaccinale. Si spera che questo sia pronto a giugno. Potrai registrarti e far convalidare la vaccinazione. Inoltre, coloro che sono guariti o che sono stati sottoposti a test potranno dare conferma della loro immunità.

Perché l'India non è nell'elenco dei Paesi a rischio?
Berset: Praticamente non ci sono voli tra l'India e la Svizzera. Poi abbiamo poche informazioni sulla mutazione indiana. L'elenco può anche essere modificato entro poche ore, se necessario.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 2 sett fa su tio
Siamo governati da capre perché la maggioranza della popolazione è pecora. Il problema non sono i morti che, tutto sommato sono pochi e la maggioranza sarebbe morta comunque per altre commorbità, il vero problema è il sottodimesionamento delle strutture ospedaliere, ridicolo per una popolazione sempre più vecchia (esageratamente vecchia) e fragilissima.
Nano10 2 sett fa su tio
Berset e CF adesso avete proprio rotto le P.... si sa che si dovrà convivere con questo virus, quindi continuando con le vaccinazioni piantatela di continuare fare terrorismo mediatico e togliete ulteriori restrizioni. Ma per fare questo abbiamo bisogno di persone al “ potere” con le P... non dei burattinai 😡
Princi 2 sett fa su tio
certo che quando si guadagna oltre 350mila fr all'anno é facile prendere decisioni
Dani 2 sett fa su tio
Passaporto verde per i vaccinati. Bell'idea speriamo di adottare lo standard Europeo, e non cerchiamo di inventare qualcosa di nuovo e squisitamente elvetico, neh
ChB 2 sett fa su tio
@Dani Chi siete ... dove andate ... un fiorino ... o pure peggio, certi cartelli di circa 100 anni fa in cui si specificava a chi fosse vietato entrare in certi luoghi ...
Dani 2 sett fa su tio
Facciano arrivare sti vaccini invece di parlare di scenari. La priorità resta vaccinare vaccinare e vaccinare. Velocità e non funzionari con tutto rispetto, ma....
Princi 2 sett fa su tio
e questa non é dittatura ???'
joe69 2 sett fa su tio
@Princi Ma se siamo uno dei pochi paesi che ha e ha avuto meno restrizioni in assoluto.... guarda i nostri vicini, noi un lookdown duro nn lo abbiamo mai subito, abbiamo sempre potuto uscire di casa, con nessun coprifuoco ne di distanza ne di orari... siamo sempre stati liberi di circolare all'interno della Svizzera... guarda per esempio la Germania, con 80 000 000 di abitanti (dieci volte la Svizzera) e meno positivi di noi, (in percentuale alla popolazione(, si appresta a fare un altro lookdown duro... Per favore, smettiamola con sta parola : dittatura... nn sapete nemmeno il reale significato della parola... la dittatura è ben altro...
hclnelcuore 2 sett fa su tio
non mi sono mai permesso di criticare le decisioni del Consiglio Federale... ma ora basta ! non se ne può più
Alessandro 69 2 sett fa su tio
Ormai una democrazia del ricatto, attenzione che prima o poi si paga il conto
Gio58 2 sett fa su tio
@Alessandro 69 Magari qualcuno un giorno pagasse il conto. Ma faccio fatica a vedere chi potrebbe presentarlo. In ambito politico non mi pare vi siano molte voci discordanti con le direttive governative. Il popolino? Figuriamoci, l'unico pensiero al riguardo è la spesa in Italia!! Dio mio, che tristezza.
Lore61 2 sett fa su tio
@Gio58 ... Il popolino... Trasuda disprezzo scritto così... Di certo è il popolino che preso per i fondelli fin dall'inizio di questa porcheria, sta subendo maggiormente privandolo dei suoi diritti civili di lavorare e vivere! Il popolino che oltre 20anni fa, ingannato in votazione accettando la" libera circolazione dei disperati", si è ritrovato con stipendi ridotti alla fame, perdita di posti di lavoro, viabilità al collasso, inquinamento al top grazie alla agevolazione del via vai dei pendolari, e in aggiunta i costi supplementari di cantieri eterni per allargare strade e autostrade... A proposito di collasso viario, ci sarà da ridere quando nel 2029 apriranno il raddoppio del Gottardo, spalancano il corridoio (scorciatoia) delle merci su Tir da 60 Ton del Nord Europa da e per i porti sul mare! Sempre il popolino, che grazie a tutti questi aiuti, deve ormai varcare il confine per poter tirare fine mese e mangiare ancora in modo dignitoso! Che tristezza!!
Ro 2 sett fa su tio
Accontentare tutti è impossibile. Ancora 5 settimane e non sono poche ma se tutto procederà per il meglio si salva l’estate è l’autunno. Che si vuole di più ? Se si riesce siano a stare con i tempi dobbiamo ritenerci molto fortunati viste le gravissime situazioni in India o Brasile. Quindi ancora un attimo di pazienza e poi si ricomincia a “ respirare “ anche se la mascherina non sarà un ricordo, ma una compagna ancora per un certo tempo.
vulpus 2 sett fa su tio
Non si capisce più nulla. Ma la vaccinazione è obbligatoria oppure no? Oppure non hanno il coraggio di renderla obbligatoria e allora introducono le misure ricattatorie ...se non fai la vaccinazione ti chiudiamo in casa?. Signori : cercate di trovare argomenti convincenti affinchè la popolazione si faccia vaccinare, con prodotti sicuri e garantiti. Siamo ancora ai discorsi del personale sanitario che non vuole vaccinarsi, almeno in parte. Quale è il motivo di questo atteggiamento? Sanno qualcosa che i cittadini non sanno? Se gli addetti ai lavori non ne usufruiscono qualche motivazione ci sarà pure.
Alessandro 69 2 sett fa su tio
@vulpus Secondo te? Non è solo in Svizzera che il personale sanitario non vuole fare il vaccino,quindi c’è le facciamo 2 domande
Thomseb 2 sett fa su tio
Che pena. Delusione totale
seo56 2 sett fa su tio
👍🏼👍🏼👍🏼
pillola rossa 2 sett fa su tio
"con un forte aumento delle vaccinazioni bisogna fare i conti con una nuova accelerazione dei contagi" stavolta è colpa dei vaccinati...
TGas 2 sett fa su tio
👍🏼👍🏼👍🏼
M70 2 sett fa su tio
gli allentamenti non devono essere basati sulle vaccinazioni fatte. non siamo mica in dittatura! il governo doveva lasciare le aperture ma inserendo regole precise come numero di persone , mascherine obbligatorie, controlli alla frontiera... è inutile affidarsi alla responsabilità delle persone...perchè non vale x tutti! povera Svizzera
B.P.66 2 sett fa su tio
E allora datevi una mossa....😡😡
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Sospendere i brevetti? La Svizzera è contraria
Per la SECO la sospensione non garantirà un accesso «equo e rapido» a vaccini e ad altre tecnologie contro la pandemia.
ITALIA / SVIZZERA
8 ore
In treno dalla Svizzera, ma con i documenti di un altro
L'uomo, un 47enne originario del Benin, è stato denunciato per sostituzione di persona
SVIZZERA
9 ore
Coop anticipa i tempi e importa la nuova Coca Cola Zero
Il lancio ufficiale in Svizzera è previsto per luglio, ma il dettagliante lo venderà questo weekend
BERNA
10 ore
Esplode la richiesta di voli nei Balcani
Ad oggi, i rimpatriati dalla maggior parte dei paesi balcanici non devono più essere in quarantena.
FOTOGALLERY
CITTÀ DEL VATICANO 
11 ore
Le 34 nuove Guardie svizzere hanno giurato
L'"esercito più piccolo del mondo" hanno promesso lealtà eterna a papa Francesco.
SVIZZERA
13 ore
«Il peggio deve ancora venire»
I vertici di Swiss si aspettano una continua riduzione della domanda: «Registreremo altre perdite nel secondo trimestre»
SOLETTA
14 ore
Bebè morto soffocato, il padre assolto «per mancanza di prove»
Non colpevole: questo il verdetto per il 35enne sospettato di aver ucciso il figlio di sole otto settimane nel 2010.
SVIZZERA
14 ore
Netta diminuzione del numero dei contagi da una settimana all'altra
I numeri degli scorsi sette giorni nel tradizionale rapporto dell'UFSP.
FOTO
BASILEA CITTÀ
14 ore
Davanti agli uffici del Basilea spunta una testa di maiale
Sgradevole sorpresa, questa mattina, all'ingresso della sede del club calcistico renano.
SVIZZERA
14 ore
Un carico di materiale medico per l'India
È il contributo elvetico alla lotta contro la pandemia nel paese dell'Asia meridionale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile