keystone
Il direttore generale della SRG SSR Gilles Marchand
SVIZZERA
20.04.21 - 12:360

Annus horribilis per la SSR

Perdita di 12,9 milioni di franchi a causa del calo d'introiti pubblicitari

BERNA - La Società svizzera di radiotelevisione (SRG SSR) chiude il 2020 con un disavanzo di 12,9 milioni di franchi. Un calo degli introiti commerciali e costi di ristrutturazione hanno influenzato il risultato d'esercizio, precisa un comunicato odierno della stessa emittente.

Rispetto all'anno precedente, i ricavi commerciali hanno registrato un calo di 52,1 milioni di franchi, di cui 30,7 milioni nell'ambito della pubblicità televisiva, 2,2 milioni in quello delle sponsorizzazioni, 19,2 milioni in quello dei programmi (circa 7 milioni dei quali a causa delle produzioni sportive annullate). Dal 2017 a oggi, il calo dei ricavi commerciali della SSR ammonta complessivamente a più di 100 milioni di franchi, precisa il comunicato odierno.

Secondo quest'ultimo, quasi la metà delle perdite in ambito pubblicitario è riconducibile alla pandemia. Dal mese di marzo del 2020 gli introiti della pubblicità hanno subìto un drastico crollo a causa dei provvedimenti anti-Covid. Nel secondo semestre la situazione è migliorata grazie agli elevati indici di ascolto dei programmi TV. L'altra metà delle perdite è dovuta alla migrazione di budget pubblicitari verso offerte digitali, soprattutto di grandi aziende internazionali.

La pandemia non ha però comportato solo effetti negativi. Se da un lato si è dovuto comperare mascherine igieniche e disinfettanti e attuare vari provvedimenti anti-Covid per le produzioni proprie, dall'altro sono diminuite le spese per acquisto dei diritti e per i viaggi in seguito all'annullamento di eventi culturali e sportivi.

Il risultato d'esercizio 2020 è poi stato anche influenzato dai costi di ristrutturazione. La SSR si prepara in vista del futuro adattando le sue produzioni e distribuzioni alle mutate abitudini di consumo e alle esigenze del pubblico e, allo stesso tempo, riducendo i costi per compensare l'andamento negativo nei ricavi pubblicitari e di sponsorizzazioni.

Sul fronte dei posti di lavoro, non sono stati rioccupati tutti gli impieghi vacanti. In media, lo scorso anno la SSR contava 5537 posti a tempo pieno (compresi quelli di tpc e SWISS TXT), 113 in meno del 2019. Ci sono poi stati risparmi con l'abbandono della diffusione in digitale terrestre (dal 3 giugno 2019) e l'ulteriore ottimizzazione della trasmissione radio in DAB+.

La SSR ricorda poi che, dopo il piano di riduzione dei costi pari a 100 milioni di franchi del 2018-2020, ha dovuto avviare nell'ottobre dello scorso un ulteriore piano di risparmio di 50 milioni di franchi entro il 2024. Piano che influirà anche sul numero dei posti di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 min
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
24 min
Engelberg si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
33 min
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
2 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
3 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
3 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
SVIZZERA
15 ore
Code a non finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SAN GALLO
17 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
BERNA
20 ore
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
21 ore
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile