Deposit
SVIZZERA
20.04.21 - 08:150

La pandemia ha aggravato le dipendenze

La piattaforma SafeZone ha visto incrementare le richieste di aiuto del 50% nel 2020.

Oltre mille persone hanno richiesto una consultazione online: «Le restrizioni in merito ai contatti hanno portato maggiormente le persone a utilizzare i servizi su Internet».

BERNA - Durante la pandemia, la situazione delle persone con problemi di dipendenza si è aggravata. La piattaforma SafeZone.ch ha visto il numero delle consultazioni aumentare del 50% nel 2020, si legge in un comunicato odierno.

La piattaforma è un primo punto di contatto e propone consulenze online professionali gratuite. Nel 2020, 1000 persone hanno fatto ricorso a questa possibilità. L'incremento si spiega con il fatto che le «restrizioni in merito ai contatti hanno portato maggiormente le persone a utilizzare i servizi su Internet», indica Alwin Bachmann di SafeZone.ch, citato nel comunicato.

«La situazione delle persone con comportamenti di consumo a rischio si è probabilmente aggravata durante il confinamento, anche per questo una parte di tali persone ha cercato aiuto professionale», ha aggiunto. Questo concerne in particolare i consumatori di alcol, cannabis, tabacco e gioco d'azzardo on-line.

La pandemia ha anche influito sul modo di lavorare dei centri di consulenza. SafeZone.ch si è dovuta adattare, mettendo a punto una nuova versione del sito internet lo scorso febbraio. Anche i metodi di comunicazione cambiano, con i servizi di messaggistica che rimpiazzano pian piano le telefonate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
1 ora
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
4 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
4 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
6 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
6 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
8 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
9 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
10 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile