AFP
SVIZZERA
16.04.21 - 22:410

Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin

Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo

BERNA - Il ministro degli esteri Ignazio Cassis sta fiutando la possibilità di mettere a segno un colpo diplomatico. Secondo quanto riferisce sul proprio portale il Tages-Anzeiger, il ticinese vorrebbe organizzare in Svizzera l'ipotetico incontro fra il presidente statunitense Joe Biden e il suo omologo russo Vladimir Putin, proposto dall'inquilino della Casa Bianca.

Nel caso in cui il leader del Cremlino accettasse e la Confederazione venisse effettivamente scelta come sede del meeting, Ginevra sarebbe in pole position per assicurarsi il vertice. La città romanda ospitò già nel 1985 un faccia a faccia considerato un punto di svolta nella Guerra Fredda, quello fra l'allora presidente americano Ronald Reagan e il leader sovietico Mikhail Gorbaciov, ricorda il quotidiano zurighese.

Attualmente, i rapporti sull'asse Washington-Mosca sono ai minimi termini. In un'intervista del mese scorso, Biden ha definito senza giri di parole Putin un «assassino», in riferimento alle morti e agli avvelenamenti sospetti di molti oppositori, facendo infuriare i russi. Vi è poi la questione dell'Ucraina, dove la Russia sta schierando truppe al confine sfidando Usa, Nato ed Europa.

In mezzo a queste pericolose tensioni, Berna sembra intenzionata a offrire i suoi buoni uffici, aiutando la mediazione fra le due superpotenze rivali di sempre. Il Dipartimento degli affari esteri (DFAE), scrive il Tages-Anzeiger, ha in effetti ufficialmente suggerito questa settimana ai due Paesi di incontrarsi in Svizzera.

Uno dei principi della politica estera elvetica è che la Svizzera è sempre disposta a ospitare conferenze diplomatiche e facilitare il dialogo tra parti in conflitto. In questo specifico caso però il dipartimento di Cassis è passato all'offensiva, inoltrando proattivamente tale offerta a russi e americani.

Il Tages-Anzeiger cita due fonti indipendenti della comunità diplomatica svizzera a sostengo del suo articolo. Il DFAE non ha invece voluto né confermare né smentire queste informazioni, trincerandosi dietro un no comment per motivi di riservatezza. Tuttavia, la Confederazione è sempre pronta a mettere a disposizione i propri buoni uffici, in ogni maniera utile, ha detto un portavoce.

In una recente telefonata, la seconda da quando il democratico ha traslocato a Pennsylvania Avenue, Biden ha proposto a Putin un vertice in un Paese terzo per discutere di tutte le questioni problematiche. L'obiettivo del successore di Donald Trump è quello di costruire una relazione stabile con la Russia. Non si sa se il Cremlino risponderà di sì, ma le prime reazioni da Mosca appaiono incoraggianti.

La Svizzera non è però l'unica nazione ad aver messo gli occhi sul prestigioso meeting. Il presidente della Finlandia Sauli Niinistö ha infatti detto oggi che il suo Paese si è pure fatto avanti per fungere da sede. La capitale finnica Helsinki ha tra l'altro già accolto, nel 2018, un colloquio fra Trump e Putin.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 min
Il pass Covid suscita qualche dubbio
Il certificato proposto dalla Confederazione dovrebbe entrare in vigore a fine giugno in Svizzera
SVIZZERA
11 ore
«È obbligatorio indossare la mascherina, tranne quando si nuota»
Nuotare in una sola direzione, mascherina obbligatoria fino alla piscina e nessuna rianimazione bocca a bocca
VAUD
14 ore
A passeggio con la famiglia, muore un 41enne
L'uomo è stato colpito alla testa da una pietra mentre si trovava nella gola di Chauderon
ZURIGO
15 ore
Ubriaco con fucile d'assalto inseguito e arrestato dalla polizia
La presenza dell'uomo - si trattava di un 21enne - è stata segnalata la scorsa notte a Winterthur
SVIZZERA
18 ore
Viaggi senza quarantena per i vaccinati?
La misura potrebbe rientrare nel pacchetto di allentamenti che il Governo federale discuterà il prossimo mercoledì
BERNA
19 ore
Abortì a Domodossola: tre guardie di confine condannate
Secondo il giudice hanno mancato di coraggio civile. Il loro dovere era quello di chiamare un'ambulanza
SAN GALLO
19 ore
A 227 chilometri orari sull'autostrada A1
Si tratta di un diciottenne che è incappato in un controllo radar della polizia sangallese
SVIZZERA
20 ore
Più minacce nei confronti dei docenti
Il fenomeno sarebbe dovuto all'uso più intensivo di mezzi di comunicazione digitale a causa della pandemia
SONDAGGIO
SVIZZERA
20 ore
«Il 5G per evitare il collasso della rete»
La crescente trasmissione di dati, richiede una tecnologia più performante. Lo mostra uno studio Sotomo
ZURIGO 
21 ore
Il capo della task force: «C'è margine per altri allentamenti»
Lo specialista esprime la sua sorpresa per lo sviluppo della situazione, anche nel confronto con altri Paesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile