Deposit - foto d'archivio
SVIZZERA
16.04.21 - 14:310

L'ex “partner registrato” può continuare a vedere i bambini

La legge federale sull'unione domestica registrata riserva un diritto di contatto per l'ex in caso di fine dell'unione

In base al Codice civile, il diritto a relazioni personali dei bambini può essere concesso a terzi "in circostanze eccezionali". E queste concernono «la relazione particolarmente stretta che questi terzi hanno stabilito con il bambino».

LOSANNA - Dopo lo scioglimento di un'unione domestica registrata i tribunali devono considerare tutte le circostanze quando decidono sulle relazioni e i contatti che i bambini possono avere. E una cosiddetta parentela "sociale" con persone quali l'ex partner della madre è di particolare importanza. Lo sottolinea il Tribunale federale (TF) in merito a un verdetto della Corte di giustizia di Ginevra.

Quest'ultima, nel luglio del 2020, aveva ribaltato una decisione dell'autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA), che in precedenza aveva concesso alla ex partner il diritto di contatto con i tre bambini. Erano anche state regolate le modalità delle visite. La Corte di giustizia riteneva invece che l'interesse prioritario dei piccoli non fosse stato tenuto in sufficiente considerazione.

Le due donne avevano avuto un primo figlio nel gennaio del 2016 tramite una riproduzione assistita effettuata in Spagna. Nell'ottobre del 2017, erano poi nati due gemelli con la stessa procedura. Poiché il padre era sconosciuto, solo la madre era stata registrata come tale allo stato civile. Nel settembre del 2018, le due donne si sono separate e nel dicembre seguente era stato pronunciato lo scioglimento dell'unione domestica registrata.

Ora il TF ricorda che la legge federale sull'unione domestica registrata riserva un diritto di contatto per l'ex-partner in caso di fine dell'unione. La corte suprema con sede a Losanna sottolinea poi che, in base al Codice civile, il diritto a relazioni personali dei bambini può essere concesso a terzi "in circostanze eccezionali". E queste concernono «la relazione particolarmente stretta che questi terzi hanno stabilito con il bambino».

La cerchia dei terzi è più ampia di quella dei parenti e può estendersi oltre quando il bambino ha sviluppato un legame di parentela cosiddetta "sociale" con altre persone, scrive la Seconda corte di diritto civile.

In ogni modo è l'interesse del bambino che resta prioritario. E quando il piccolo è stato concepito nel quadro di un progetto genitoriale comune ed è cresciuto all'interno della coppia, il mantenimento delle relazioni personali con l'ex partner dell'unione registrata è in linea di principio nell'interesse del bambino.

In una tale situazione, il "genitore intenzionale" rappresenta una "figura di attaccamento reale". Altri criteri, come l'esistenza di un conflitto tra gli ex partner, devono essere relegati in secondo piano, conclude il TF.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Berna
5 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
6 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
8 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
9 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
9 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
10 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
11 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
13 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
ZURIGO
14 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
BERNA
14 ore
Droghe, la lista si allunga
L'elenco degli stupefacenti viene integrato con delle "new entry"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile