Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
16.04.21 - 12:110

La task force Covid-19 perde un (altro) pezzo

Per Dominique de Quervain i vincoli politici posti impediscono un'informazione scientifica non filtrata

De Quervain faceva parte del gruppo "Public health" che si occupa della salute mentale della popolazione durante la pandemia.

BERNA - Altra defezione in seno alla Task Force Covid-19 del Consiglio federale: il neuroscienziato Dominique de Quervain, attivo all'Università di Basilea, ha deciso di lasciare il suo posto per protesta contro la politica dell'Esecutivo e le pressioni della politica.

Il ricercatore ha annunciato oggi la sua decisione con un tweet. A suo parere, i vincoli politici posti alla Task Force impediscono un'informazione scientifica non filtrata più necessaria che mai.

De Quervain faceva parte del gruppo "Public health" che si occupa della salute mentale della popolazione durante la pandemia. In futuro intende mettere a disposizione le sue competenze nel settore in maniera indipendente, si legge nel "cinguettio".

L'esperto ha giudicato un «errore» gli allentamenti decisi dal Consiglio federale mercoledì. Egli ha messo in guardia dal facile ottimismo e da azioni poco ponderate, aggiungendo di temere che ciò sfocerà in futuro in provvedimenti ancor più severi con le conseguenze psicologiche del caso.

De Quervain non è il primo esperto che lascia la Task Force in polemica col Governo. In gennaio, l'epidemiologo Christian Althaus aveva rimproverato alla politica di non volersi confrontare con la scienza da pari a pari. Le esternazioni di alcuni membri della Task Force avevano spinto alcuni politici a voler limitare il diritto di esprimersi in pubblico per i membri della Task Force, desiderio cui però il parlamento non ha dato seguito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Un funzionario ha falsificato per nove anni dei moduli per gli aiuti statali
Oltre 1 milione di franchi è finito in modo ingiustificato a delle imprese private
LE FOTO
SVIZZERA
15 ore
Fermano il traffico, in nome del clima
Alcuni attivisti del gruppo "Extinction Rebellion" hanno bloccato i veicoli in diverse città elvetiche
SOLETTA
16 ore
Precipita un piccolo aereo, due vittime
Si tratterebbe di un 57enne e di un 49 enne, partiti da Grenchen
SVIZZERA
17 ore
«Gli svizzeri non sono abituati a un forte intervento del Governo»
Secondo il politologo Swen Hutter, è questo il motivo per cui si scende in piazza a protestare
FRIBURGO
17 ore
Sfreccia a 152 km/h sull'80, 19enne nei guai
La patente del giovane - che viaggiava con un mezzo noleggiato - è stata ritirata
IL VIDEO
ARGOVIA
19 ore
Manifestazione ad Aarau: poliziotto colpito con una testata
Ha avuto luogo nel pomeriggio un corteo contro le misure anti-Covid, ma non è stato autorizzato
SVIZZERA
21 ore
«Sì all'Ue, no all'accordo»
È la posizione dei vertici del Partito socialista. Il co-presidente Cédric Wermuth oggi ha lanciato un appello
FOTOGALLERY
ZUGO
21 ore
Festa grande (e feriti) in barba al Covid
Mega-assembramento di tifosi sull'Arenaplatz. Distanziamento, attenzione e mascherine? Nulla.
SVIZZERA
1 gior
Gli svizzeri scalpitano per il vaccino
Sette su dieci vogliono l'iniezione, e solo il 12 per cento sono contrari. La propensione «sta aumentando rapidamente»
SVIZZERA
1 gior
Soldati intossicati: «Si è disposti a tutto per riscaldarsi»
Secondo un ex granatiere, in ambiente militare sarebbe «molto diffuso» ricorrere all’aria calda di scarico del motore.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile