Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
16.04.21 - 12:110

La task force Covid-19 perde un (altro) pezzo

Per Dominique de Quervain i vincoli politici posti impediscono un'informazione scientifica non filtrata

De Quervain faceva parte del gruppo "Public health" che si occupa della salute mentale della popolazione durante la pandemia.

BERNA - Altra defezione in seno alla Task Force Covid-19 del Consiglio federale: il neuroscienziato Dominique de Quervain, attivo all'Università di Basilea, ha deciso di lasciare il suo posto per protesta contro la politica dell'Esecutivo e le pressioni della politica.

Il ricercatore ha annunciato oggi la sua decisione con un tweet. A suo parere, i vincoli politici posti alla Task Force impediscono un'informazione scientifica non filtrata più necessaria che mai.

De Quervain faceva parte del gruppo "Public health" che si occupa della salute mentale della popolazione durante la pandemia. In futuro intende mettere a disposizione le sue competenze nel settore in maniera indipendente, si legge nel "cinguettio".

L'esperto ha giudicato un «errore» gli allentamenti decisi dal Consiglio federale mercoledì. Egli ha messo in guardia dal facile ottimismo e da azioni poco ponderate, aggiungendo di temere che ciò sfocerà in futuro in provvedimenti ancor più severi con le conseguenze psicologiche del caso.

De Quervain non è il primo esperto che lascia la Task Force in polemica col Governo. In gennaio, l'epidemiologo Christian Althaus aveva rimproverato alla politica di non volersi confrontare con la scienza da pari a pari. Le esternazioni di alcuni membri della Task Force avevano spinto alcuni politici a voler limitare il diritto di esprimersi in pubblico per i membri della Task Force, desiderio cui però il parlamento non ha dato seguito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 min
Johnson&Johnson arriva in Svizzera
Chiunque non ha potuto (o voluto) vaccinarsi con Pfizer o Moderna avrà un'alternativa. In Ticino previste 6'000 dosi.
SVIZZERA
32 min
I deputati vogliono presentare il "pass"
Il Nazionale è favorevole all'obbligo di certificato per entrare a Palazzo federale. Dovrebbe scattare dal 2 ottobre
SVIZZERA
2 ore
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
4 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
5 ore
Terribile frontale in galleria, morto un automobilista
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
14 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
16 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
17 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
SVIZZERA
18 ore
La tappa svizzera del “treno europeo”
Si tratta dell'iniziativa “Connecting Europe Express” volto a promuovere la ferrovia nel continente
SVIZZERA
19 ore
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile