Keystone
SVIZZERA
16.04.21 - 06:480
Aggiornamento : 10:45

Test fai da te: mai provati sugli asintomatici

Berna li ha pensati per chi non presenta segni di malattia. Ma la loro efficacia è stata studiata solo sui sintomatici.

La Confederazione ci sta investendo centinaia di milioni di franchi. L’Ordine dei farmacisti ticinesi: «È uno strumento in più».

BERNA - Gli autotest sono solo per persone asintomatiche. E non per chi ha tosse o febbre. Questa la posizione della Confederazione, e questo quanto esplicitato dall’Ufficio del medico cantonale sul sito del Cantone. C’è però un’ importante incongruenza: i test fai da te della casa farmaceutica Roche, disponibili ora in tutte le farmacie svizzere, sono stati testati unicamente su persone che presentavano sintomi. Lo si legge in un documento, pubblicato sul sito di Roche, che riporta le istruzioni per l’uso del test in questione, il SARS-CoV-2 Rapid Antigen Test Nasal. 

Il test - Le valutazioni cliniche del test fai da te, del quale ogni svizzero può disporre in cinque esemplari mensili gratuiti, sono state fatte sulla base di uno studio condotto su 146 volontari di età adulta «con sintomi» e «con sospetto clinico d'infezione da Covid-19». Un campione di persone che al momento dello studio presentavano dunque sintomi riconducibili al Coronavirus. Secondo quanto riporta il documento, gli autotest hanno identificato correttamente l’82,5% dei positivi del gruppo, verificati con un test PCR, e il 100% dei non contagiati. Un risultato soddisfacente dal punto di vista scientifico, ma basato su persone sintomatiche. L’efficacia del test su chi non presenta avvisaglie di malattia rimarrebbe quindi ignota. 

Scarsa l’efficacia secondo la scienza - E dal mondo scientifico emergono delle notizie poco rassicuranti rispetto alla strategia adottata da Berna per questa tipologia test. Uno studio condotto dall’istituto di Microbiologia dell’Università di Losanna, pubblicato per il momento in forma di bozza, ha analizzato l’efficacia di diversi tipi di test antigenici, rilevando tra i pazienti asintomatici un’efficacia che oscilla appena tra il 28% e il 33%. Uno studio dell’Agenzia austriaca per la salute e la sicurezza alimentare specifico agli autotest nasali parlerebbe invece di un 40%. 

Da evitare sui chi ha sintomi - Per il portavoce dell’Ordine dei farmacisti del Cantone Ticino Federico Tamò, è corretto usare questi test sugli asintomatici piuttosto che sui sintomatici «perché l’accuratezza di questa tipologia di test non è alta quanto quella di altre».

Ogni caso rilevato è un contagio in meno - Per quel che riguarda invece gli asintomatici, l’idea, spiega Tamò, è quella di guardare il bicchiere mezzo pieno: «Quello che ci interessa è il valore predittivo positivo, ogni caso rilevato è una possibile catena di contagio fermata». Gli studi sul ruolo degli asintomatici nella diffusione del virus hanno dato però risultati contrastanti: «A oggi non possiamo sapere quanto o quanto poco trasmettono, ma non possiamo permetterci di rischiare partendo dal presupposto che non possano veicolare il virus», conclude Tamò. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 7 mesi fa su tio
«A oggi non possiamo sapere quanto o quanto poco trasmettono (gli asintomatici), ma non possiamo permetterci di rischiare partendo dal presupposto che non possano veicolare il virus». Con questa filosofia gli asintomatici "positivi" trasmettono tanto quanto quelli negativi. Mettiamoli tutti in gabbia per sicurezza. Potrebbero veicolare il virus attraverso i capelli.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
3 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
3 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
4 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
5 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
6 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
ZURIGO
7 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
BERNA
8 ore
Droghe, la lista si allunga
L'elenco degli stupefacenti viene integrato con delle "new entry"
SVIZZERA
11 ore
Roche prepara il test antigenico per Covid e influenza
Il kit combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti
SVIZZERA
19 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile