Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
15.04.21 - 16:060
Aggiornamento : 17:44

Tutti contenti, o quasi. L'epidemiologo: «Berna mi ha stupito»

Parla il bernese Christian Althaus, che in gennaio aveva lasciato la task force. «Così corriamo un grande rischio»

La paura è soprattutto per l'apertura a manifestazioni (50 persone al chiuso, 100 all'aperto).

BERNA - Non solo terrazze dei ristoranti. Ma palestre, cinema, teatri, manifestazioni (anche sportive) all'aperto e al chiuso. Gli allentamenti annunciati ieri dal Consiglio federale per il 19 aprile hanno rallegrato molti (la stampa parla di «rischio indispensabile»), e stupito tanti altri. Tra questi ultimi si colloca l’epidemiologo Christian Althaus: «Sono davvero sorpreso - ha commentato ad alcune testate del gruppo Tamedia -. Dopo mesi di estrema prudenza, ieri il Governo ha abbandonato la linea degli "allentamenti periodici sulla base di criteri ben definiti"». 

È stato lo stesso Alain Berset, ieri, a dire che «la situazione epidemiologica resta fragile e nelle ultime settimane è ulteriormente peggiorata», con un «aumento anche dei ricoveri». E che «quattro dei cinque indicatori decisivi per le fasi di riapertura superano attualmente il valore limite stabilito», oltre al fatto di non avere ancora indicazioni sull'impatto delle feste di Pasqua. Ma «secondo il Consiglio federale il rischio è sostenibile». 

L'epidemiologo bernese Christian Althaus - che a inizio anno ha lasciato la task force Covid-19 - non è preoccupato tanto per cinema, palestre e terrazze, quanto piuttosto per eventi e manifestazioni con 50 persone al chiuso e ben 100 all'aperto. «Se pensiamo ad esempio alla Svezia, da inizio pandemia ha introdotto un limite di 50 persone. Poi a novembre è scesa a otto. E anche lì la situazione negli ospedali sta lentamente tornando a essere critica». Piuttosto, «la Svizzera potrebbe prendere come esempio da Danimarca, Norvegia o Finlandia, paesi che sono riusciti a prevenire l'eccesso di mortalità con misure relativamente lievi ma comunque coerenti, riducendo così al minimo gli effetti economici e sociali». Noi stiamo «ancora pagando l'esplosione di contagi dell'autunno, e ora mettiamo di nuovo in pericolo la situazione».

Secondo l'epidemiologo bernese, tra chi ha contratto il virus e chi è stato vaccinato, l'immunità nella popolazione svizzera è compresa tra il 20 e il 40%, a seconda del cantone. Tuttavia, «è ancora troppo poco per prevenire un ulteriore aumento di nuove infezioni». Infine, si dice positivo sulla campagna di vaccinazione: «Ma i test fai da te e l'arrivo dell'estate non devono illudere la popolazione e far abbassare la guardia. Allentamenti di vasta portata potrebbero essere una partita d'azzardo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
6 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
11 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
11 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
12 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
14 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
15 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
17 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
18 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
19 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile