deposit
ZURIGO
11.04.21 - 14:010
Aggiornamento : 23:22

Gli uomini guardano più porno, con conseguenze

Durante la pandemia, il consumo eccessivo di pornografia in rete è aumentato notevolmente.

In molti giovani uomini, questo può condurre a disfunzioni erettili.

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Il consumo di pornografia su Internet in Svizzera è aumentato di oltre il 20% dall'inizio della pandemia. Lo dimostrano i dati di Pornhub, uno dei maggiori fornitori di contenuti per adulti al mondo.

Mentre per la maggior parte delle giovani famiglie l'home office significa vivere insieme in uno spazio ristretto, per i single che vivono da soli può rivelarsi una nuova forma di solitudine.

Consumi elevati di pornografia - Secondo uno studio dello "Zeitschrift für Sexualforschung", un uomo su tre in Svizzera classifica il proprio consumo di pornografia come "troppo alto". «Durante il lockdown, questo numero è aumentato ulteriormente», spiega Ursina Brun del Re, terapista zurighese del sesso e delle coppie, che studia l'influenza della pornografia sulla sessualità di coppia.

Nessuna erezione - La "SonntagsZeitung" cita l'esempio di Patrick*, 28 anni, single. Da quando lavora da casa, l'assistente marketing guarda porno su Internet più volte al giorno. «Prima mi masturbavo solo ogni due o tre giorni, e prima di andare a dormire». Il suo consumo di pornografia non aveva mai avuto un effetto negativo sulla sua vita, assicura. Ma quando, di recente, una donna ha voluto dormire con lui dopo cena, per la prima volta nella sua vita non è riuscito ad avere un'erezione.

Negli ultimi anni c'è stato un aumento generale della disfunzione erettile, soprattutto tra i giovani uomini, afferma Ursina Brun del Re. Una delle cause, è proprio da rintracciare nel consumo eccessivo di pornografia.

La modalità di eccitazione è desensibilizzata, quindi le persone che ne fruiscono hanno bisogno di immagini sempre più estreme in modo che la loro eccitazione possa continuare ad essere stimolata, spiega la "SonntagsZeitung".

Il modo più efficace per porre rimedio a questo problema è semplicemente allontanarsi temporaneamente dalla sovrastimolazione causata dal porno, consiglia la terapista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
2 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
3 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
4 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
7 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
16 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
21 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
22 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
23 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile