20min/Community
Un'immagine scattata durante le vacanze di Natale.
SVIZZERA
08.04.21 - 17:550
Aggiornamento : 18:26

Coronavirus: la stagione di sci non ha peggiorato la situazione

I comprensori elvetici sono rimasti aperti per tutto l'inverno. Ma non si contano più contagi che all'estero

Secondo Svizzera Turismo, i piani di protezione hanno funzionato. E sono la base per la pianificazione dei prossimi inverni

BERNA - In Svizzera abbiamo sciato fino all'ultimo (e in alcuni comprensori la stagione invernale non è ancora terminata). Eppure sul fronte della pandemia non stiamo messi peggio degli altri paesi dove le piste sono rimaste chiuse.

Anzi, nelle ultime due settimane - come riferisce oggi il Blick - in Svizzera sono stati segnalati 274 nuovi contagi ogni 100'000 abitanti. In Francia sono 737, in Austria 484, in Italia 447 e in Germania 264.

La scelta di aprire gli impianti di sci e portare a termine la stagione invernale non avrebbe quindi avuto un influsso negativo sullo sviluppo della pandemia in Svizzera. E questo nonostante lo scorso autunno dall'estero siano giunte richieste di tenere chiusi i comprensori (in particolare dalla vicina Italia). La Francia aveva invece introdotto controlli alla frontiera e quarantena per i francesi che volevano andare a sciare all'estero.

Certo, i comprensori invernali elvetici hanno dovuto fare i conti con l'assenza di molti visitatori provenienti dall'estero. Ma si parla comunque di una stagione «passabile» grazie all'apertura delle piste e del turismo interno. «Una nota di merito - afferma Pascal Jenny, direttore turistico di Arosa, interpellato dalla testata d'oltre San Gottardo - va al consiglio federale e al ministro Alain Berset, e nel nostro caso anche al Governo retico: il coraggio di non cedere alle pressioni dall'estero ha dato i suoi frutti».

Sembrano quindi aver funzionato i piani di protezione adottati nei comprensori sciistici. Ne è convinta l'organizzazione Svizzera Turismo, che parla quindi di una buona base per la pianificazione delle stagioni future e in vista di eventuali altre pandemie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Un funzionario ha falsificato per nove anni dei moduli per gli aiuti statali
Oltre 1 milione di franchi è finito in modo ingiustificato a delle imprese private
LE FOTO
SVIZZERA
14 ore
Fermano il traffico, in nome del clima
Alcuni attivisti del gruppo "Extinction Rebellion" hanno bloccato i veicoli in diverse città elvetiche
SOLETTA
16 ore
Precipita un piccolo aereo, due vittime
Si tratterebbe di un 57enne e di un 49 enne, partiti da Grenchen
SVIZZERA
16 ore
«Gli svizzeri non sono abituati a un forte intervento del Governo»
Secondo il politologo Swen Hutter, è questo il motivo per cui si scende in piazza a protestare
FRIBURGO
16 ore
Sfreccia a 152 km/h sull'80, 19enne nei guai
La patente del giovane - che viaggiava con un mezzo noleggiato - è stata ritirata
IL VIDEO
ARGOVIA
18 ore
Manifestazione ad Aarau: poliziotto colpito con una testata
Ha avuto luogo nel pomeriggio un corteo contro le misure anti-Covid, ma non è stato autorizzato
SVIZZERA
20 ore
«Sì all'Ue, no all'accordo»
È la posizione dei vertici del Partito socialista. Il co-presidente Cédric Wermuth oggi ha lanciato un appello
FOTOGALLERY
ZUGO
21 ore
Festa grande (e feriti) in barba al Covid
Mega-assembramento di tifosi sull'Arenaplatz. Distanziamento, attenzione e mascherine? Nulla.
SVIZZERA
1 gior
Gli svizzeri scalpitano per il vaccino
Sette su dieci vogliono l'iniezione, e solo il 12 per cento sono contrari. La propensione «sta aumentando rapidamente»
SVIZZERA
1 gior
Soldati intossicati: «Si è disposti a tutto per riscaldarsi»
Secondo un ex granatiere, in ambiente militare sarebbe «molto diffuso» ricorrere all’aria calda di scarico del motore.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile