Immobili
Veicoli
Keystone
SAN GALLO
03.04.21 - 19:300

Violenze a San Gallo: stasera si replica? «La polizia farebbe meglio a prepararsi»

Su Telegram circolano appelli: «Rischiamo di avere agitatori pronti alla violenza da mezza Europa».

SAN GALLO - Benché, nella sua conferenza stampa odierna, la polizia cittadina abbia rassicurato sul fatto che, questa sera a San Gallo, non si verificheranno nuove violenze come quelle registrate venerdì, sui social sembrano concretizzarsi progetti che vanno proprio nel senso contrario. In un gruppo Telegram circola in particolare un appello a scendere di nuovo in strada: «La polizia farebbe meglio a prepararsi per stasera - vi si legge -. I ragazzi e le ragazze non mollano, venite tutti a San Gallo».

«Fintanto che la gente continuerà a essere insoddisfatta della situazione continuerà a venire», assicura a 20 Minuten un lettore che, nella serata di venerdì, ha seguito con attenzione la situazione in città. «La maggior parte (di coloro che hanno preso parte al raduno, ndr) era della Svizzera Orientale, alcuni anche di Zurigo», spiega. 

L'obiettivo, assicura, era mostrare di non essere d'accordo con le misure di contenimento del nuovo coronavirus: «La maggior parte voleva sostenere pacificamente le proprie convinzioni - assicura la fonte -. La violenza è arrivata da pochi». A guadagnare i titoloni dei portali d'informazione sono state però alla fine delle persone che sono arrivate a San Gallo solo per fare casino, lamenta.

Thomas Richter, direttore dell'Istituo svizzero per la prevenzione della violenza, conferma tale impressione. «Questi eventi attirano persone che escono espressamente per provocare disordini», afferma. La settimana scorsa erano stati giovani di San Gallo, questa settimana c'era invece gente da tutta la Svizzera tedesca: «Se ciò attira ancora simili ambienti, alle prossime violenze a San Gallo potrebbero esserci agitatori pronti alla violenza provenienti da mezza Europa», mette in guardia Richter.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
4 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
6 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
6 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
7 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
19 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
21 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
1 gior
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
1 gior
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile