Deposit
Foto illustrativa.
SVIZZERA
02.04.21 - 14:070
Aggiornamento : 15:49

Un mercato della droga su Telegram, attivo anche in Svizzera

È troppo facile ottenere della droga nel nostro paese, anche solo con qualche click sui social media

Tra crittografia, spacciatori dall'estero e Dark Web, per le forze di polizia è una vera e propria montagna da scalare

ZURIGO - Si entra su Telegram, si sceglie ciò che più si desidera, si paga, e il tutto viene portato a casa tramite delivery.

Non è solo come si ordina del cibo in tempi di coronavirus, ma è anche come, nel 2021 e in Svizzera, si possono ottenere con tranquillità diverse sostanze stupefacenti.

L'incredibilmente semplice accessibilità alla droga nel nostro paese è stata confermata da una ricerca del quotidiano 20 Minuten, che con pochi click tramite i principali social media (ad esempio Instagram, o Snapchat), ha scoperto che ci si può unire ad un noto gruppo Telegram (con più di 2'500 membri e attivo principalmente a Zurigo e San Gallo), dove vengono offerte 30 droghe diverse, con il corrispettivo livello di purezza e lo stato di disponibilità momentanea.

Tra marijuana, funghi, LSD, cocaina, e metanfetamine, sembra davvero essere una delle più grandi reti di distribuzione del nostro paese. Il pagamento dev'essere fatto in modo anonimo tramite Bitcoin, e la consegna avviene tramite un corriere.

Ma come funziona, chi c'è dietro?

Gli esperti interpellati nel campo della criminalità informatica non sono stati in grado di fornire alcuna informazione, e nemmeno i corrieri, che effettuano le consegne, sembrano saperne di più: «Nessuno sa chi sono queste persone» ha spiegato il fattorino C. a 20 Minuten, precisando che non ha mai incontrato personalmente nessuno dei piani alti. Secondo C., è ovvio che dietro al tutto ci siano persone estremamente «intelligenti»: «È pazzesco come il tutto sia ben organizzato». 

Tramite Telegram, il quotidiano svizzero-tedesco è riuscito però ad entrare in contatto con una donna - tra i presunti fondatori del gruppo - che si fa chiamare Pigeon. «Siamo l'Uber Eats delle droghe» ha esordito Pigeon, che ha raccontato di aver iniziato da sola come indipendente, per poi sviluppare il sistema in una rete sempre più grande attraverso Telegram. 

Le vendite sono «milioni» ogni anno, ha poi aggiunto la donna, spiegando che sono stati assunti all'incirca cinquanta corrieri - per lo più donne. Inoltre, tutte le persone coinvolte lavorano dall'estero, e nessuno si conosce personalmente: il contatto esiste solo via Telegram.

Perché la piattaforma non viene semplicemente chiusa?

«Le indagini sul Dark web sono molto difficili, sono necessari diversi specialisti per riuscire a combattere il traffico di droga online», ha dichiarato la polizia cantonale di San Gallo. «Decrittare un sito come Telegram è estremamente dispendioso in termini di tempo», ha aggiunto Judith Hödl, della polizia cittadina di Zurigo. 

Inoltre, può essere fatto «solo se il pubblico ministero competente presenta un'istanza, che poi viene accolta in tribunale». Solo in questo caso la polizia può utilizzare programmi informatici specifici per la decrittazione, e non si sa se questo sia il caso della rete presente su Telegram: né le autorità zurighesi né quelle sangallesi hanno voluto confermare se c'è un procedimento in corso.

Allo stato attuale, secondo il Consigliere nazionale e vicepresidente di DigitalSwitzerland Marcel Dobler, i social media che non hanno una base in Svizzera sono praticamente uno spazio senza legge, nel quale è quasi impossibile trovare uno spacciatore. «L'applicazione della legge dipende troppo dalla volontà dei giganti della tecnologia di fornire dati». A tal riguardo, però, il Consiglio federale sta lavorando su un progetto di legge per risolvere questo problema, ha anticipato Dobler.

«Un pozzo senza fondo»

Il Nedik (la rete di supporto digitale alle indagini sulla criminalità informatica), ha spiegato che i venditori «si nascondono spesso dietro loro profili di social media con dati di registrazione falsi, e mascherano i loro indirizzi IP con un server proxy o attraverso una connessione VPN». Per questo motivo, per le forze di polizia svizzere, le condizioni per identificare e arrestare i colpevoli a livello internazionale sono molto difficili. Ancor di più se lavorano tramite il Dark Web.

Un altro problema è che anche che se il gruppo in questione venisse bloccato, ne sbucherebbe presto un altro: «il commercio di droga online è un pozzo senza fondo, ed è un mercato che sta diventando sempre più digitalizzato» sostiene Frank Zobel, vice direttore di Addiction Switzerland, secondo cui è fondamentale sensibilizzare i giovani. «Nell'ambito della prevenzione, vogliamo far ragionare i giovani, in modo che possano prendere da soli le decisioni giuste per proteggere la loro salute».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 3 mesi fa su tio
Svizzera paese di junkies cronici.
ceresade36@gmail.com 3 mesi fa su tio
Non lo so come no riescono a prenderli cosi facile di farlo Quelli che consumeranno droga diventano bruti vechi e amalati secondo loro è lo massimo Ma questo gli porta a duna terrible trappola dove no uscirano mai sono tutti qzanti adulti memori adulti maggiorenni che fanno questa cosa . Dove çè la autorità ? Oppure per tutti qui lazzeroni che si trovano in Pensilina che possiamo fare continuare a mantenerli grazie ai nostri contributi ?
Moga 3 mesi fa su tio
Liberalizzare e smetterla di giocare a guardia e ladri che tanto è inutile. Inoltre lo stato ci guadagnerebbe una montagna di soldi come su alcool e tabacco
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore
La pandemia attira più milionari
In Svizzera la densità di milionari è più alta che altrove e l'M-Club cresce sempre di più.
FOTO
SVIZZERA
8 ore
Greta Thunberg condivide un video sul maltempo in Svizzera
Dopo i temporali delle ultime settimane, Wolhusen ha attirato l’attenzione fuori dai confini confederati.
SVIZZERA
10 ore
«Test obbligatori per i sanitari non vaccinati»
Li raccomanda la Confederazione. La palla passa ai Cantoni
ZURIGO
11 ore
Spunta un cadavere nella Limmat
Potrebbe trattarsi del corpo del canoista affondato venerdì
SVIZZERA
13 ore
«Illusorio l’abbandono di tutte le restrizioni»
Il tasso di vaccinazione è troppo basso, e probabilmente non raggiungerà l'85% auspicato dalla Taskforce scientifica.
GRIGIONI
13 ore
Incidente sul Maloja: un morto e quattro feriti
Il triste bilancio è il risultato di uno scontro frontale avvenuto ieri sera. La vittima è un 61enne lombardo.
SVIZZERA
14 ore
Quando per il certificato Covid serve un test, anche se si è vaccinati
Solo i vaccini omologati in Svizzera - quindi Moderna, Pfizer e Johnson&Johnson - permettono di ottenere il documento.
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera altri 771 contagi e 3 decessi
Salgono a 17 i ricoverati. Il bollettino odierno dell'UFSP
FRIBURGO
15 ore
Licenziato il secondino "dormiglione"
Pizzicato dal direttore con cuscini e coperte, che nascondeva in un buco dietro a un armadio
SVIZZERA
16 ore
Ha fatto cadere dei nidi di corvo: condannato
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un 61enne bernese poco attento agli animali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile