20min/mon
SVIZZERA
31.03.21 - 12:350

Vaccinazioni di massa: i Cantoni ce la faranno?

L'infettivologo Andreas Widmer teme che ad aprile non sarà possibile somministrare rapidamente le dosi

Ma i Cantoni assicurano di poter vaccinare più di 100'000 persone al giorno

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf e Pascal Michel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Quando ad aprile arriveranno in Svizzera grosse forniture di vaccino, i Cantoni dovranno essere pronti. Lo dice Andreas Widmer, professore emerito all'ospedale universitario di Basilea e presidente del centro nazionale per la prevenzione delle infezioni Swissnoso. E non nasconde una certa preoccupazione: «Temo che ad aprile riceveremo oltre un milione di dosi in un colpo solo e che i Cantoni non saranno in grado di somministrarle abbastanza velocemente».

Secondo i dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sinora sono state distribuite 1'819'575 dosi (il dato è aggiornato al 28 marzo 2021). «Fino alla fine di marzo, ne sono attese 2,25 milioni» afferma Masha Foursova, portavoce UFSP. Tra aprile e luglio arriveranno poi altre 8,1 milioni di dosi. «Ora è quindi previsto un notevole aumento dei vaccini in Svizzera» conferma Foursova.

Per i Cantoni sarà molto impegnativo trovare sufficiente personale per il prosieguo della campagna di vaccinazione, in particolare attorno ai giorni di Pasqua, afferma ancora Widmer. Anche perché le date di consegna dei vaccini non sono ancora note. Dopo Pasqua ci potrebbe quindi essere un collo di bottiglia per l'operazione.

«Portate il libretto delle vaccinazioni» - L'esperto parla anche del fatto che al momento manca ancora una soluzione uniforme per la certificazione della vaccinazione. «In un cantone si riceve una sorta di scontrino che va convalidato dal proprio medico di famiglia, mentre in un altro si ottiene un documento scritto anche in inglese e con codice QR». Widmer consiglia pertanto di recarsi all'appuntamento per la vaccinazione «con il libretto internazionale di vaccinazione», che al momento sembra essere la migliore alternativa a un passaporto vaccinale.

È comunque necessario che al più presto venga sviluppata una banca dati digitale che permetta alla Confederazione di sapere a chi è stato somministrato il vaccino anti-coronavirus. Ieri l'UFSP ha assicurato che si sta lavorando a una soluzione. «Ma per la creazione di un registro affidabile e sicuro è necessario del tempo: dubito che sarà disponibile entro l'estate» afferma Widmer.

Una situazione, questa, che potrebbe avere delle conseguenze sulle vacanze estive: «Se nel periodo estivo non sarà possibile dimostrare l'avvenuta vaccinazione con un certificato unico, si potrebbero verificare dei problemi sui voli internazionali». Non va infatti escluso, secondo gli esperti, che le compagnie aeree debbano rimandare a casa dei viaggiatori se in possesso di un certificato di vaccinazione cantonale che non viene accettato.

I Cantoni sono pronti - I Cantoni non ci stanno e pertanto non condividono i timori di Widmer: «Secondo l'UFSP, entro giugno dovranno essere effettuate fino a 100'000 vaccinazioni al giorno. Nella settimana dal 22 al 28 marzo sono state somministrate, in media, 26'365 dosi al giorno. Siamo convinti che già oggi i Cantoni abbiano la possibilità di vaccinare di più» dice Tobias Bär, portavoce della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della sanità.

Anche Thomas Steffen, membro del comitato dell'Associazione dei medici cantonali, si dice fiducioso: «I Cantoni sono in grado di prepararsi per un maggiore quantitativo di dosi e accelerare quindi la campagna di vaccinazione». A Basilea, per esempio, gli orari d'apertura dei centri potrebbero venire estesi dalle 8 alle 22, come pure nei weekend. Secondo Steffen non ci sarà quindi nessun collo di bottiglia. «In caso di ritardi, ci dovrebbe essere una maggiore flessibilità nella distribuzione delle dosi».

Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni, si rifà alle considerazioni dell'UFSP, dei produttori di vaccini e dei cantoni: «Assicurano che a partire da aprile, ma soprattutto a maggio e giugno, sono previste forniture importanti di dosi. E che queste saranno somministrate rapidamente. Mi aspetto che funzionerà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Legge Covid-19: la "battaglia" è cominciata
Tra due mesi si voterà sulla Legge Covid-19. Per Governo e Cantoni la base normativa va assolutamente approvata.
SVIZZERA
2 ore
Complotti, fake news, razzismo: un cocktail pericoloso
Per la Commissione federale contro il razzismo si tratta di piaghe sempre più sotto la luce dei riflettori.
ZUGO
3 ore
Strage in Parlamento, sono passati 20 anni
Il 27 settembre del 2001 Friedrich Leibacher uccise 14 persone, poi si tolse la vita.
SVIZZERA
3 ore
Gli scettici puntano al Nazionale
I movimenti d'opposizione alle norme anti-Covid starebbero preparandosi alle elezioni del 2023
LUCERNA
11 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
13 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
18 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
18 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
19 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
20 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile