Keystone (archivio)
Il segretario supplente del DFAE Johannes Matyassy ha parlato oggi alla conferenza di alto livello di ONU e UE.
SVIZZERA
30.03.21 - 19:410

Altri sessanta milioni per la Siria

Il DFAE ha sottolineato che non risparmiera i propri sforzi per sostenere una «via di pace» nel Paese mediorientale.

In dieci anni la Svizzera ha stanziato circa 522 milioni per contrastare gli effetti devastanti sulla popolazione dei conflitti in Siria, Turchia, Libano, Giordania e Iraq.

BERNA - La Svizzera ha promesso altri 60 milioni di franchi per sostenere la popolazione in Siria e nella regione che da dieci anni soffre per la guerra.

Ad annunciarlo, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), è stato il segretario di Stato supplente del DFAE Johannes Matyassy, in occasione della quinta conferenza di alto livello presieduta dall'ONU e dall'Unione europea (Ue).

«Non risparmieremo sforzi per sostenere la Siria sulla via della pace», ha detto Matyassy alla conferenza di Bruxelles, che si è tenuta in forma virtuale per il secondo anno di fila a causa della pandemia di coronavirus.

Dal 2011 a oggi, la Svizzera ha stanziato circa 522 milioni di franchi per contrastare gli effetti devastanti del conflitto sulla popolazione in Siria, Turchia, Libano, Giordania e Iraq. «Si tratta - rende noto il DFAE - del più grande intervento umanitario nella storia della Confederazione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
Sarebbe chiedere troppo come queste elargizioni vengono utilizzate nei paesi destinatari? Quando poi si legge che vengono sponsorizzati paesi come la Turchia che è la negazione di tutto, e ne hanno più di noi, c'è da chiedersi come vengono fatte queste scelte.
Duca72 5 mesi fa su tio
Finalmente un po’ di solidarietà, siamo sempre troppo chiusi , se qualcosa esce dalla Svizzera ci sono sempre critiche. Ben fatto!!!
Tato50 5 mesi fa su tio
@Duca72 Da una parte condivido, ma forse qualcosina da ridistribuire anche da noi non farebbe. Ah no scusa, ci ridaranno i soldi che ci ha rubato la Billag ;-(( Spero che non comperino 60 milioni di mitra e bombe a mano ;-(((
Meck1970 5 mesi fa su tio
scandaloso.... vergogna
ciapp 5 mesi fa su tio
vergogna e poi ancora vergogna
seo56 5 mesi fa su tio
Fuori di testa 😡😡
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
54 min
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
2 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
2 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
3 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
5 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
6 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Tutti alle urne: come avete votato?
Domenica saremo chiamati a esprimerci sul Matrimonio per tutti e sull'Iniziativa 99%. Partecipate al nostro sondaggio
FOTO
LUCERNA
16 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
16 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile