Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
30.03.21 - 14:160
Aggiornamento : 16:53

«Il 7 aprile non fiondatevi tutti in farmacia per i test fai da te»

Saranno disponibili, ma non subito i cinque gratuiti mensili promessi a ogni svizzero

Test rapidi per riunirsi a Pasqua? Sì, ma «la negatività è valida solo per 24 ore. È inutile farlo giorni prima».

BERNA - «Non ci sono più cantoni in cui il valore Rt sia inferiore a 1». Non sono buone le notizie con cui Patrick Mathys, capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP, apre a Berna la consueta conferenza stampa degli esperti della Confederazione sulla situazione Covid-19. A livello svizzero il valore si attesta a 1,19 (persone che un soggetto che ha contratto il virus contagia). In meno di tre settimane, se proseguiremo così, i casi di coronavirus raddoppieranno. «Nove infezioni su dieci sono ricollegabili alla variante inglese», aggiunge Mathys.

Ospedali
Ma i ricoveri e i decessi sono relativamente stabili. I pazienti Covid occupano il 18% dei letti in cure intense (dato stabile). D'altra parte, quasi mezzo milione di persone in Svizzera sono già state vaccinate (due dosi). La paura è che l'aumento dei contagi tra i giovani si estenderà a quelli in età avanzata, ripercuotendosi sugli ospedali. 

Certificato di vaccinazione
Ma l'argomento "del giorno" di oggi è il discusso certificato vaccinale. «Vogliamo che sia riconosciuto a livello internazionale», ha dichiarato il capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP. «Dovrebbe essere disponibile entro l'estate». Attualmente, però, chi viene vaccinato riceve solo un certificato cartaceo dell'avvenuta inoculazione. A livello nazionale non è infatti previsto un registro centrale delle vaccinazioni (e la responsabilità di conservare il certificato è quindi della persona vaccinata). Nassima Mehira, co-responsabile del progetto "Covid-19-Zertifikat", ha spiegato che la Confederazione sta attualmente lavorando a una sua soluzione, che sia compatibile a livello internazionale, valutando le piattaforme disponibili e confrontandosi con i paesi vicini. La discussione è ancora in corso, ma il “Certificato Covid-19” potrebbe mostrare non solo la vaccinazione, ma anche test e tamponi effettuati, stato di salute (Covid) e guarigione.

Test rapidi per Pasqua
Il 15 marzo la strategia della Confederazione dei test è cambiata. Chi presenta dei sintomi deve sottoporsi (come finora) a un test PCR, ma gli svizzeri sono esortati anche a eseguire test rapidi e a tappeto (aziende/scuole). Le farmacie offrono la possibilità di sottoporsi a test rapidi gratuiti. «Ma la negatività è valida solo per 24 ore» («fare il test oggi per visitare la nonna domenica è inutile») e «non è un "lascia passare" per evitare le regole di comportamento» (distanziamento, igiene e mascherina), precisa Mathys. Se il test rapido dà un risultato positivo, bisogna subito sottoporsi a un tampone PCR. Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali, dal canto suo commenta i test a tappeto nelle scuole: «Lo sforzo richiesto è enorme. Ma ne vale la pena, perché consentono di proseguire con l’insegnamento in presenza».

Test fai da te
Martine Ruggli, presidente della Società svizzera dei farmacisti PharmaSuisse, ha ricordato che i test fai da te saranno disponibili in farmacia a partire da mercoledì 7 aprile. Ma ha chiesto pazienza: «Non è logisticamente possibile accogliere nelle farmacie tutti gli svizzeri alla ricerca dei 5 test gratuiti mensili a cui hanno diritto». 

Ruggli ha mostrato come effettuare il test (ma è bene leggere il foglietto illustrativo!): occorre infilare per pochi centimetri (non come il PCR) il tampone quattro volte in ogni narice (ruotando). Questo va poi inserito in una provetta (con uno speciale liquido). Una goccia va posata sul reagente (simile a quello dei test di gravidanza). Se appare una sola linea il risultato è negativo. Due linee indicano un risultato positivo ed è necessario sottoporsi a un test PCR per confermare la diagnosi.

Alla conferenza stampa di oggi sono presenti Patrick Mathys, capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP; Fosca Gattoni, capo supplente della Sezione diritto sugli agenti terapeutici (UFSP); Nassima Mehira, co-responsabile del progetto "Covid-19-Zertifikat" (certificato vaccinale) dell'UFSP; Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali; Martine Ruggli, presidente della Società svizzera dei farmacisti PharmaSuisse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
9 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
12 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
12 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
13 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
13 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
15 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
19 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile