Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
29.03.21 - 17:200
Aggiornamento : 19:31

Test di massa: canton Grigioni davanti, dietro tutti gli altri

Nove cantoni non effettuano (ancora) tamponi a tappero regolari né nelle scuole né nelle aziende

Il Ticino ha presentato la propria strategia lo scorso venerdì. Ma anche qui non si segue a ruota l'esempio dei Grigioni.

ZURIGO - Da lunedì 15 marzo i costi dei test anche per gli asintomatici sono assunti dalla Confederazione. Inoltre, istituzioni, aziende e scuole sono invitate a condurre test di massa al loro interno. È la nuova strategia del Consiglio federale per contenere la pandemia. Ma per quanto riguarda i test di massa, fra i cantoni ci sono differenze importanti, a volte anche davvero radicali. A confermare una sensazione diffusa, è un articolo di ieri del Sonntasblick che ha analizzato, e comparato, gli sforzi dei diversi cantoni. 

Nove di questi, Appenzello Esterno, Ginevra, Giura, Neuchâtel, Nidvaldo, San Gallo, Sciaffusa, Vallese e Vaud non effettuano tamponi a tappeto regolari né nelle scuole né nelle aziende.

Primo della classe, e non è una gran sorpresa, è il canton Grigioni che ha già testato il 40% della popolazione mobile. Stando alle direttive dell'UFSP, i Grigioni hanno già raggiunto gli obiettivi prefissati.

Lascia un po' perplessi, invece, il freno tirato della Romandia per la quale i test di massa non sembrano essere uno strumento utile. Non sarebbe così nel canton Vaud, come confermato al domenicale dalla consigliera di stato che si occupa della Sanità, Mais Rebecca Ruiz: «Stiamo per lanciare un piano su grande scala che coinvolgerà le imprese, siamo convinti che sia una cosa importante».

Da lunedì un piano analogo verrà svolto a Zurigo e Berna e coinvolgerà le scuole e le aziende, stando al domenicale potrebbe essere un punto di svolta che potrebbe convincere ad applicare la medesima strategia in tutti quei cantoni che, fino a oggi, si sono dimostrati scettici.

Il Ticino
Le autorità cantonali hanno presentato venerdì, in conferenza stampa, la loro strategia legata ai test. L’obiettivo è di estendere la strategia di test «alle persone asintomatiche particolarmente mobili», interrompendo così precocemente le catene di contagio.

Le aziende - è stato spiegato - vengono suddivise a seconda del rischio di trasmissione. Dovranno sottoporre richiesta al Cantone e incaricare un operatore sanitario qualificato per l’acquisto, il prelievo, l’esecuzione dei test, la comunicazione dei risultati e la gestione dei casi positivi. 

Per le scuole «al momento non appare necessario generalizzare l’introduzione di test mirati e ripetuti». Può però essere considerata su esplicita richiesta. Di fronte a casi positivi o a un sospetto focolaio, invece, sarà avviata l’indagine ambientale estesa nelle classi o addirittura su tutti gli allievi e i docenti di un istituto scolastico. Il Decs ha però rivisto le regole delle quarantene: nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole elementari questo provvedimento scatta a partire da un singolo caso positivo,

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
3 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
13 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
15 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
16 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
16 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
18 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
18 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
19 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile