Lea Kusano
BERNA
25.03.21 - 21:520
Aggiornamento : 26.03.21 - 06:35

#NoLiestal: la Svizzera silenziosa dice migliaia di "no" al complottismo

La manifestazione virtuale condanna le proteste dei critici delle restrizioni e dei negazionisti del Covid.

La promotrice: «Chi segue le misure ha bisogno di trovare un canale di espressione».

BERNA - Se, sabato scorso a Liestal, a manifestare in piazza contro le misure anti Covid erano circa in 6mila, giovedì, a manifestare virtualmente contro coloro che dimostrano contro le misure anti Covid, sono in decine di migliaia. Su Twitter è stato infatti condiviso più di 28'000 volte in poche ore l'hashtag #NoLiestal, che - al netto di una minoranza di utenti che lo cita per criticarlo - significa svariate migliaia di persone che si stanno fotografando con la mascherina per dire "no" alle proteste irrispettose delle norme d'igiene e comportamento, al negazionismo e all'«egoismo» di chi chiede di abolire tutte le restrizioni.

Nei post, l'hashtag che spesso accompagna #NoLiestal, oltre a #NoCovid e #NoAltdorf, è del resto #WirSindMehr: "Noi siamo di più".

«Sinceramente, non contavo che l'hashtag avesse tanto successo», ammette, sentita da 20 Minuten, la specialista di campagne mediatiche Lea Kusano, che ha supportato l'estemporanea iniziativa lanciata dal cabarettista svizzero tedesco Nils Althaus. «Ciò dimostra tuttavia che non siamo i soli ad avere questi pensieri e sentimenti - aggiunge -. C'è un bisogno impellente che la gente che gestisce la situazione adeguatamente e segue le misure trovi un canale di espressione».

Tale canale, per ovvie ragioni di coerenza, non può essere la piazza. «Attraverso le manifestazioni, gli scettici del coronavirus e coloro che criticano le misure hanno avuto moltissima visibilità che gli altri non hanno avuto», sottolinea Kusano. «Le persone che si stanno esprimendo oggi (giovedì, su Twitter, ndr) a causa della pandemia non le vedrete a delle manifestazioni», fa notare.

@LeaKusano: «Contro le idee non informate, contro le teorie del complotto e le ideologie nere, per una politica della pandemia di lungo termine con numeri del contagio bassi. Posta un selfie con #NOLiestal».

                

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
11 min
Barricate davanti a Palazzo federale
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
1 ora
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
2 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
4 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
6 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
6 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
7 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
8 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile