Archivio Keystone
SVIZZERA
25.03.21 - 03:000

La legge sulle misure di polizia «è potenzialmente pericolosa»

Una coalizione di ONG dice “no” all'oggetto in votazione il prossimo 13 giugno

BERNA - Un'ampia coalizione di organizzazioni non governative lancia oggi la propria campagna contro la Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT), combattuta con un referendum in votazione il prossimo 13 di giugno. Secondo le ONG, essa dà alla polizia poteri arbitrari e minaccia lo Stato di diritto.

«Questa legge accorderà alla polizia federale il potere di applicare misure coercitive contro delle persone innocenti e perfino contro bambini che ritiene potenzialmente pericolosi. Anche una protesta legittima potrebbe essere perseguita quale atto terroristico», dice in un comunicato delle ONG Patrick Walder, direttore del settore campagne di Amnesty International Svizzera. La legge - aggiunge - non favorisce la sicurezza, ma apre la porta all'arbitrio e all'esclusione; mette in pericolo i diritti fondamentali, stigmatizza gruppi interi della popolazione e ricorda i metodi dei regimi autoritari.

Secondo la coalizione, l'opinione che la legge costituisca pericoli per i diritti umani è condivisa da 60 professoresse e professori di diritto svizzero, dalla Commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa e da alti rappresentanti delle Nazioni Unite.

Oltre ad Amnesty International e alla piattaforma delle ONG svizzere per i diritti umani, la coalizione contro la legge comprende organizzazioni quali Giuriste e giuristi democratici svizzeri, Nostro diritto, dirittifondamentali.ch, humanrights.ch, Digitale Gesellschaft, Rete svizzera diritti del bambino, Federazione Svizzera delle Associazioni Giovanili, Donne per la pace Svizzera e, in Ticino, Associazione Uniti dal Diritto.

La MPT - notano le ONG - autorizza la polizia federale (fedpol) a stabilire delle misure coercitive contro individui sulla base di semplici ipotesi, secondo le quali queste persone potrebbero in futuro costituire una minaccia. Braccialetto elettronico, divieto di contatto, divieti geografici e perfino arresti domiciliari, sono misure che potrebbero essere applicate contro persone che non hanno commesso alcun crimine e che non sono nemmeno sospettate di preparare un atto criminale. Con l'eccezione degli arresti domiciliari, la fedpol potrebbe ordinare le misure coercitive di sua iniziativa e senza controllo giudiziario. Misure che potrebbero essere perfino applicate contro bambini di 12 anni (per gli arresti domiciliari dai 15 anni).

La legge prevede una pena detentiva fino a dieci anni per le persone che sostengono organizzazioni criminali o terroristiche. Dopo l'approvazione da parte del Parlamento nel settembre scorso, varie sezioni giovanili dei partiti hanno lanciato con successo un referendum.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
43 min
Si schiantano un aliante e un aereo turistico: cinque morti
Il dramma è avvenuto sabato sopra Bivio: deceduti i due piloti e i tre passeggeri, tra cui un bambino.
ZURIGO
1 ora
In isolamento da quasi tre anni, ora interviene l'ONU
Il caso di "Carlos", che ora preferisce farsi chiamare col vero nome (Brian), continua a far discutere.
SVIZZERA
2 ore
Con la pandemia, i campeggi hanno fatto il pieno
Nel 2020 il settore paralberghiero ha in generale registrato un calo dell'11,3% rispetto all'anno precedente
SVIZZERA
3 ore
Le donne sono pronte a scioperare
Sono previste azioni di protesta nelle principali città di tutta la Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Dopo il “no” alla Legge sul CO2, altre vie per raggiungere gli obiettivi climatici
Un deputato PS ritiene che servano più incentivi, un parlamentare UDC afferma che non è necessaria un'azione massiccia
SVIZZERA
12 ore
Berna rinuncia definitivamente ad AstraZeneca
Le 5,3 milioni di dosi del vaccino anglo-svedese verrano donate ai Paesi poveri.
SVIZZERA
17 ore
Il popolo svizzero ha scelto la sicurezza
La Legge sulle misure di polizia contro il terrorismo ha incassato il 57% di voti a favore
SVIZZERA
19 ore
Legge sul terrorismo: «E ora evitiamo la schedatura di massa delle persone»
Reazioni degli oppositori alla Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo
SVIZZERA
19 ore
«Gli aiuti alle aziende sono assicurati»
Il PLR festeggia il sì alle urne alla legge Covid. Un voto «saggio ed efficace»
SVIZZERA / CANTONE
23 ore
La popolazione ha detto “no” alla Legge sul CO2
Per le nuove misure anti-terrorismo il sostegno popolare è al 57%. Legge Covid-19 approvata dal popolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile