deposit
SVIZZERA
24.03.21 - 11:370

Gli svizzeri non vogliono più lavorare all'estero

Il tele-lavoro sì, ma a breve distanza. La quota di chi è pronto a trasferirsi è crollata al 40 per cento

BERNA - Gli svizzeri sono meno propensi a lavorare all'estero: nell'ultimo sondaggio realizzato da Jobs.ch in collaborazione con altri portali e con la società di consulenza Boston Consulting Group (BCG) non più del 44% si dice pronto a spostarsi professionalmente oltre le frontiere nazionali.

Il dato non solo è inferiore al 50% osservato a livello internazionale, ma è anche sensibilmente inferiore a rilevamenti precedenti: la quota era del 60% nel 2018 e del 77% nel 2014, emerge dai grafici pubblicati oggi dal Tages-Anzeiger, che al tema dedica un articolo.

Tradizionalmente gli svizzeri si spostavano volentieri in paesi stranieri, sia per migliorare le loro competenze linguistiche, che per accumulare esperienze in grado di favorire la carriera. Ora la situazione è cambiata: la colpa, in un'ottica più recente, è della crisi del coronavirus, afferma il direttore della filiale elvetica di BCG Daniel Kessler. «Le restrizioni e le incertezze non sono buone condizioni per considerare di lavorare all'estero» afferma l'esperto in dichiarazioni riportate dal quotidiano zurighese.

Ma anche prima della crisi gli svizzeri erano meno attratti dall'impiego oltre i confini della Confederazione. Secondo Kessler, questo potrebbe essere legato a un aumento dei movimenti nazionalistici, nonché alle norme più severe sull'immigrazione negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Per gli emigrati elvetici al momento il paese più popolare è la Germania, seguita da Stati Uniti, Canada e Francia. Negli ultimi tempi si è peraltro assistito a una minore propensione ad andare molto lontano, una tendenza osservata anche in altri paesi europei.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
33 min
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
48 min
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
1 ora
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
2 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
4 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
6 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
SVIZZERA
7 ore
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
7 ore
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile