Keystone
ZURIGO
24.03.21 - 08:120

Il presidente della Task force Covid-19: «Sono deluso, pensavo avremmo fatto meglio»

Intervistato dalla rivista del suo ateneo, Martin Ackermann non ha nascosto il suo rammarico per la gestione della crisi

ZURIGO - Presidente della task force Covid-19 della Confederazione, Martin Ackermann si barcamena regolarmente fra i suoi ruoli di «voce della scienza», consigliere del governo e divulgatore. Intervistato da Globe, la rivista del Politecnico di Zurigo, dove insegna, il professore di ecologia microbiotica molecolare si è tuttavia concesso delle critiche un po' più esplicite del solito alla volta della politica.

«Naturalmente questa crisi supera semplicemente tutto quanto mi potessi immaginare, ma pensavo che ce la saremmo cavata meglio», ha confessato il docente. «Che avremmo agito in base in base alle evidenze scientifiche, impiegati molti strumenti e usato le nostre possibilità tecnologiche», ha spiegato. E ha aggiunto: «Avevo grosse aspettative, ma sono stato deluso».

Per Ackermann, la Svizzera non sarebbe stata insomma all'altezza della situazione. A incidere, a suo avviso, è stata in particolare l'idea, diffusasi «molto velocemente», che nell'emergenza coronavirus bisognasse fare una scelta «tra salute ed economia»: «Ciò ha plasmato in maniera molto forte il dibattito - ha denunciato -. Per questo abbiamo fatto fatica a intervenire presto e in maniera risoluta».

Per la task force Covid-19 della Confederazione, tuttavia, è sempre stato «chiaro» che la Svizzera non è mai stata davanti a una scelta tra salute ed economia. «Introdurre misure dure che riducano velocemente il numero di contagi è meglio anche dal punto di vista economico rispetto all'applicazione di misure più blande con la presa in conto di lunghi periodi di contagi alti», ha sottolineato Ackermann. 

La sua squadra di consiglierI, tuttavia, si limita a dare indicazioni scientifiche, ha fatto notare. A decidere, alla fine, è la politIca. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
37 min
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
1 ora
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
2 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
4 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
6 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
7 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
7 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
21 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile