Immobili
Veicoli
tipress
ZURIGO
24.03.21 - 06:000

Divieto dei pesticidi, i prezzi aumenteranno del 40%?

Due iniziative mirano a limitare l'uso di pesticidi. Ciò potrebbe costare quasi 400 franchi in più al mese.

Gli iniziativisti non sono d'accordo. Chiedono piuttosto che le sovvenzioni per l'impiego di pesticidi vadano all'agricoltura sostenibile.

ZURIGO - Il 13 giugno si vota su temi che toccano in modo sensibile il mondo agricolo. L'iniziativa sull'acqua potabile vuole vietare le sovvenzioni per l'impiego di pesticidi e l'uso profilattico di antibiotici, quella sui pesticidi vuole bandire completamente gli anticrittogamici sintetici.

Appare controverso, tuttavia, l'esito che potrebbe avere l'adozione di tali soluzioni, in particolar mondo se si pensa che ciò potrebbe incidere sul prezzo del prodotto finale. L'Unione svizzera dei contadini (USC), che si oppone a entrambe le iniziative, è la prima a fornire cifre concrete per una famiglia di quattro persone.

«Produrremo di meno e importeremo di più» - «Oggi i prodotti biologici sono circa il 50% più costosi rispetto ai prodotti fabbricati convenzionalmente», sottolinea Francis Egger, vicedirettore di USC. L'Unione Svizzera dei contadini utilizza questi prezzi come linee guida per la produzione senza pesticidi. «Se le iniziative venissero accettate, gli agricoltori svizzeri produrrebbero meno e i grossisti importerebbero di più. Il livello di autosufficienza scenderebbe dall'attuale 60% al 42% e i prezzi dei prodotti alimentari svizzeri aumenterebbero a causa della minore offerta e dei maggiori costi di produzione».

Nel caso dell'iniziativa sui pesticidi, l'USC ipotizza un aumento dei prezzi del 40%. «Per il paniere medio di una famiglia di quattro persone, ciò ammonterebbe a 375 franchi al mese», aggiunge Egger. Il sovrapprezzo per l'iniziativa sull'acqua potabile sarebbe leggermente inferiore: «Qui gli agricoltori potrebbero decidere se produrre con pesticidi, ma senza sovvenzioni». Inoltre, i grossisti potrebbero continuare a importare tutti i prodotti. «L'acquisto di prodotti svizzeri per una famiglia con due figli lieviterebbe di circa il 25%, quindi di 230 franchi al mese».

«Il cibo prodotto biologico non deve essere più costoso» - Franziska Herren, promotrice dell'iniziativa sull'acqua potabile, non è d'accordo: «Ci sono già diversi produttori che sono passati alla produzione senza pesticidi, e i loro prodotti non sono diventati più costosi» assicura. Inoltre, l'assenza di pesticidi non deve essere equiparata ai prodotti biologici: «Un esempio, il panettiere Fredy Hiestand ha trasformato l'intera produzione togliendo i pesticidi, i prodotti non sono diventati più costosi. Ma il grano biologico sarebbe quattro volte più caro del grano senza pesticidi». Herren punta il dito sui margini dei rivenditori per gli alti costi dei prodotti biologici nel negozio.

Per l'iniziativista è chiaro: «È un errore credere che il cibo prodotto biologicamente debba essere più costoso del cibo prodotto convenzionalmente. Oggi, tuttavia, sovvenzioniamo la produzione convenzionale con il denaro dei contribuenti, quando ciò potrebbe essere fatto per una produzione sostenibile».

L'agricoltura convenzionale comporta costi annuali di follow-up pari a 7,6 miliardi di franchi. «Con questi aiuti, il cibo biologico non sarebbe più costoso del cibo convenzionale, la cui produzione distrugge l'ambiente e mette in pericolo la salute. Attualmente stiamo sovvenzionando l'inquinamento delle nostre reti idriche».

Secondo Herren, la fase di transizione richiederebbe otto anni. «A quel punto il mercato si sarà adattato ai nuovi requisiti e lo standard sarà la produzione priva di pesticidi, senza che i prodotti debbano essere più costosi per il consumatore finale». Sono possibili eccezioni per la carne: «La carne, oggi, è spesso troppo economica rispetto al suo equilibrio ecologico».

A perderci ci sono gli agricoltori - Per l'economista Mathias Binswanger è chiaro che se l'iniziativa sull'acqua potabile fosse accettata, la produzione interna diminuirebbe e il cibo prodotto diventerebbe più costoso. «Chi acquista più generi alimentari importati o fa la spesa oltre confine lo noterà meno di chi acquista il cibo in Svizzera», fa notare. Quindi aggiunge: «Il problema è che l'attuale situazione del mercato degli agricoltori non è sufficientemente presa in considerazione. La maggior parte del denaro che i consumatori pagano di più per i prodotti biologici oggi finisce ai rivenditori, non agli agricoltori. Pochi grandi rivenditori vendono i prodotti di tanti piccoli produttori - conclude -. Ciò significa che il potere di mercato spetta ai concessionari che cercheranno di difendere i loro margini. I contadini ne subiranno le conseguenze».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 10 mesi fa su tio
Terrorismo psicologico a base di menzogne da parte dei lobbisti dell'industria agroalimentare.
Ro 10 mesi fa su tio
Si sta parlando dell’elemento più prezioso della Terra e che ci garantisce la nostra stessa esistenza e non riusciamo a proteggerla? E questo sarebbe l’Homo Sapiens ? E questa sarebbe una società intelligente ? E tutte le volte mettiamo davanti i posti di lavoro e la chiusure ? Tutti sappiamo che non è più possibile andare avanti con questa mentalità ottocentesca e suicida ma purtroppo non abbiamo più il coraggio di cambiare le cose neppure se riguarda la nostra stessa esistenza. Scusate ma non ho più parole, per davvero.
Dani 10 mesi fa su tio
Già paghiamo la verdura come l'oro, ma siamo fuori... Vogliamo riduci come il popòlo a stelle e strisce dove il fast food costa molto meno che la verdura così uno su 2 risulterà obeso??? Bell'idea da Nobel
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
5 min
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
14 min
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
38 min
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
1 ora
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
3 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
12 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
14 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
23 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
1 gior
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile