Deposit
A febbraio 3'411 moto hanno lasciato i concessionari (+36%).
SVIZZERA
15.03.21 - 10:070

Frenano le vendite di auto, impennano quelle delle moto

Le immatricolazioni di febbraio 2021 registrano comunque una netta flessione rispetto all'anno precedente.

In totale nel mese appena trascorso sono stati messi in circolazione 23'315 nuovi veicoli a motore.

BERNA - Immatricolazioni ancora in calo in Svizzera nel mese di febbraio, anche se a un ritmo meno marcato di gennaio: sono stati messi in circolazione 23'315 nuovi veicoli a motore, un numero dell'8% inferiore allo stesso periodo del 2020. Si conferma quindi la tendenza dei mesi precedenti, con il crollo delle vendite di vetture a cui fa da contraltare il boom delle motociclette.

Stando ai dati diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) - in parte già anticipati dall'associazione degli importatori Auto-Svizzera - sulle strade hanno fatto la loro comparsa 16'084 automobili, con una flessione del 16%. Sempre molto ambite, in tempi di pandemia, sono invece risultate le motociclette: 3411 hanno lasciato i concessionari, in progressione annua del 36%.

Vanno poi aggiunti 2629 camion e furgoni (-2%), 542 veicoli per il trasporto di persone (+4%), 355 veicoli industriali (+16%) e 294 mezzi agricoli (+30%). Per completare il quadro occorre anche citare i 1639 rimorchi (+19%).

Sull'arco dei primi due mesi dell'anno le immatricolazioni totali di veicoli a motore sono state 44'016 (-11% rispetto allo stesso periodo del 2020). Fra queste - limitandosi ai segmenti principali - figurano 31'433 vetture (-17%), 5097 moto (+27%) e 5214 camion e furgoni (-5%).

Per quanto riguarda le sole automobili - un indicatore che può essere visto come un interessante segnale relativo ai consumi - il -16% di febbraio è (agli occhi dei concessionari) leggermente migliore del -19% di gennaio, ma è peggiore di dicembre (-15%) e di novembre (-6%), che è stato il mese migliore del 2020. I periodi più tristi - sempre nell'ottica di chi vende auto - si sono rivelati marzo (-39%), aprile (-67%) e maggio (-51%), nel pieno della prima ondata del Covid-19 in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 8 mesi fa su tio
Tra un po’ faranno pagare il posteggio anche ai motociclisti 😡😡
Tato50 8 mesi fa su tio
@seo56 Sarebbe ora ;-))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
14 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
15 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
19 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
21 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
22 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile