Keystone
La conferenza stampa fu seguita da 110'000 persone collegate al canale YouTube del Consiglio federale.
SVIZZERA
14.03.21 - 15:450

È (quasi) passato un anno dall'inizio del lockdown

Il 16 marzo la Svizzera chiudeva tutto per tentare di contrastare l'avanzata inesorabile della pandemia.

Un anno dopo la speranza infusa dai vaccini va a contrapporsi alla paura per una terza ondata alimentata dalle varianti del virus più contagiose.

BERNA - Scuole, negozi non essenziali e ristoranti chiusi, manifestazioni vietate, controlli alle frontiere, telelavoro, raccomandazione di restare a casa: il 16 marzo di un anno fa, alla mezzanotte di lunedì, scattava il lockdown.

Venerdì 13 marzo 2020, il giorno in cui fu presa la decisione di chiudere le scuole per il lunedì successivo, la Svizzera registrava 1'125 casi di coronavirus e undici morti. La Confederazione ha registrato il primo caso di Covid-19 il 25 febbraio e il primo morto il 5 marzo. L'11 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) dichiarava lo stato di pandemia.

Lunedì 16 marzo, quando il bilancio era salito a più di 2'300 persone infette e circa 20 morti, il Consiglio federale decretava la "situazione straordinaria" in base alla legge sulle epidemie, che gli ha permesso di decidere provvedimenti senza passare dal parlamento.

«È necessaria una reazione forte in tutto il Paese», affermò Simonetta Sommaruga in una conferenza stampa. È l'unico modo per superare questa crisi ed evitare il sovraffollamento degli ospedali, disse la presidente della Confederazione. La conferenza stampa fu seguita da 110'000 persone collegate al canale YouTube del Consiglio federale.

Vita sociale ridotta a zero - La vita sociale subì un impatto significativo. I raduni privati e pubblici erano vietati. Tutte le attività non essenziali, i ristoranti e i bar dovettero chiudere. Chiusi anche musei, biblioteche, cinema, sale da concerto e teatro, centri sportivi, piscine, impianti sciistici e parrucchieri.

Anche l'esercito fu chiamato in causa. Fino alla fine di giugno, il Consiglio federale schierò fino a 8'000 militari per l'assistenza sanitaria, la logistica e la sicurezza. Era la prima volta che ciò succedeva dalla Seconda Guerra mondiale, secondo la consigliera federale Viola Amherd, capo del Dipartimento della difesa.

Furono ristabiliti i controlli alle frontiere con Italia, Germania, Francia e Austria. Solo i cittadini svizzeri, i frontalieri e chi aveva un permesso di lavoro valido era autorizzato a entrare in Svizzera.

Sul fronte economico, il Consiglio federale mise a disposizione inizialmente 10 miliardi di franchi, poi aumentati a 40 miliardi in aprile: una decisione accolta all'unanimità dai partiti, dai sindacati e dal mondo economico. Fu sospesa anche la sessione primaverile delle Camere federali e furono annullate le votazioni del 17 maggio.

La riapertura - Il semi-confinamento è durato fino al 26 aprile. Dall'11 maggio i bambini sono tornati a scuola. Gli studenti dei livelli post-obbligatori hanno continuato ad alternare corsi in presenza e a distanza.

Anche i negozi non essenziali, i ristoranti, i luoghi di cultura, le biblioteche e i centri sportivi hanno potuto riaprire gradualmente a partire dall'11 maggio.

Da metà giugno la Svizzera ha riaperto le frontiere con gli Stati membri dell'UE e il Regno Unito. Qualche settimana dopo, la popolazione elvetica ha dovuto abituarsi a un nuovo accessorio: la mascherina, diventata obbligatoria sui trasporti pubblici - e in tutti gli spazi pubblici chiusi a partire dall'autunno.

Seconda ondata - Il numero di infezioni giornaliere è tornato ad impennarsi in ottobre, portando ancora una volta alla chiusura di locali notturni, nuove restrizioni su ristoranti, eventi e luoghi di cultura e di svago. A novembre sono stati introdotti i test rapidi anti-Covid.

Mentre i cantoni meno colpiti, soprattutto quelli della Svizzera francese, che avevano effettuato un giro di vite in novembre, hanno beneficiato di un regime eccezionale, tutti i ristoranti hanno dovuto chiudere poco prima di Natale.

Allo stesso tempo, Swissmedic ha autorizzato il primo vaccino, quello di Pfizer/BioNTech, mentre sono apparse le nuove varianti di coronavirus. In Svizzera, la prima persona è stata vaccinata il 23 dicembre.

Paura di una terza ondata - A un anno di distanza, mentre il Governo ha sbloccato miliardi di franchi supplementari, il coronavirus è ancora al centro del dibattito. La legge Covid-19 è ancora in discussione in Parlamento e la popolazione è sempre più stanca.

Mentre le campagne di test e vaccinazione fanno il loro corso, il Consiglio federale ha presentato negli scorsi giorni una nuova strategia per la riapertura, anche se teme una terza ondata.

Dalla fine di febbraio 2020, il governo ha tenuto 45 conferenze stampa e ci sono stati 57 briefing di esperti, secondo le informazioni della Cancelleria federale trasmesse a Keystone-ATS. Secondo le cifre dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di venerdì, dall'inizio della pandemia la Svizzera ha registrato 570'645 infezioni confermate in laboratorio, 9'413 morti e 24'035 ricoveri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Oddio, oltre al Covid cosa vedono le mie fosche pupille di buon mattino ? Giornata storta ;-))
pillola rossa 7 mesi fa su tio
La paura è la peggior nemica che si possa avere. Sì Possono fare delle previsioni, si possono prendere delle misure, ma la paura appartiene agli irrazionali. Termine abusato e ripetuto alla nausea. Paura di che? Di vivere?
ciapp 7 mesi fa su tio
e sarà cosi fino al 2030 se si da retta hai 7 puffi di barna
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
5 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
6 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
10 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
11 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
13 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
15 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
16 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
18 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
19 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile