Keystone
SVIZZERA
11.03.21 - 15:000
Aggiornamento : 19:47

Per il vaccino, la Confederazione avrebbe potuto fare da sé

Lonza aveva proposto una linea di produzione elvetica. Una proposta che è però stata rifiutata

Il PLR attacca il Consiglio federale e chiede chiarimenti. Se necessario anche attraverso una Commissione parlamentare d'inchiesta

BERNA - In Svizzera la campagna di vaccinazione è partita all'inizio di quest'anno. Ma procede a rilento a causa dei noti ritardi nelle forniture. Eppure la Confederazione avrebbe potuto avviare una propria linea di produzione presso lo stabilimento di Lonza, nella località vallesana di Visp, dove viene prodotto il preparato della statunitense Moderna.

Un'offerta in tal senso era stata fatta alle autorità federali direttamente da Albert Baehny, presidente di Lonza, come riferisce oggi il Tages Anzeiger. Un'offerta che tuttavia è stata respinta. Il motivo? La produzione di “vaccini statali” richiederebbe un adattamento della base giuridica, fa sapere Nora Kronig, vicedirettrice dall'Ufficio federale della sanità pubblica, dalle colonne del quotidiano zurighese.

Presso Lonza ci sarebbe comunque una sufficiente capacità. Inizialmente l'azienda era infatti pronta a produrre 600 milioni di dosi per conto di Moderna. Ma da quest'ultima è giunto un ordine per “sole” 400 milioni di unità. Una linea di produzione per 100 milioni di dosi con circa 70 dipendenti, scrive ancora la testata d'oltre San Gottardo, costerebbe tra i 60 e i 70 milioni di franchi. E una volta che il sistema è in funzione, in poche settimane verrebbe prodotto il preparato necessario per soddisfare le necessità della Confederazione.

Il PLR attacca: «Un rifiuto incomprensibile. Il Consiglio federale dia subito spiegazioni»
«Una decisione incomprensibile e scandalosa», il PLR svizzero non risparmia critiche al rifiuto che Berna avrebbe opposto a Lonza. E in un comunicato chiede al Consiglio federale, e in particolare al Dipartimento federale dell'Interno, di fornire chiarimenti già nella conferenza stampa prevista domani. Chiarimenti che dovrebbero venir ottenuti anche «se necessario attraverso una Commissione parlamentare d'inchiesta». «La messa in opera di una catena di produzione nazionale - sottolinea il PLR - ci avrebbe permesso di produrre i vaccini direttamente in casa e metterli così rapidamente a disposizione della popolazione».  Attraverso il diritto d’urgenza o senza base legale il Consiglio federale, continua il comunicato, «ha potuto chiudere interi rami dell'industria mentre attivare una linea di produzione non dovrebbe essere possibile? È francamente incomprensibile». L’articolo del Tages Anzeiger rivela anche che, secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica, sarebbe necessaria una modifica legislativa per produrre i vaccini in Svizzera. Considerando il dibattito in corso sulla legge Covid-19, il PLR intende chiarire «se una tale base legale possa già essere creata nell’ambito dei lavori della sessione attualmente in corso». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
11 min
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
SVIZZERA
46 min
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
ZURIGO
1 ora
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
ARGOVIA
4 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
5 ore
Temporali violenti, Cressier è finita sott'acqua
Ai residenti è tuttora sconsigliato di bere acqua dal rubinetto
SVIZZERA
6 ore
Spingono un 60enne giù dalle scale e scappano
La polizia è alla ricerca di un gruppo di giovani
SVIZZERA
6 ore
Vaccino sì, vaccino no? Un quarto degli svizzeri è ancora scettico
Anche l'età e il sesso sembrano essere un fattore: è quanto emerge da un sondaggio dell'istituto Sotomo
SVIZZERA
13 ore
Viola Amherd vuole i caccia F-35
Il ministro della Difesa avrebbe scelto il produttore americano Lockheed Martin per rinnovare la flotta
GINEVRA
14 ore
Dal Portogallo a Ginevra stipati in una gabbia
Una gatta e i suoi quattro cuccioli hanno viaggiato per oltre 18 ore in condizioni indecenti.
FRIBURGO
20 ore
A processo il piromane seriale della Broye
Il 25enne è accusato di aver appiccato una decina d'incendi tra il canton Friburgo e Vaud.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile