Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
10.03.21 - 19:130

Una convivenza regolamentata fra l'uomo e il lupo

È quanto chiede il Consiglio nazionale che per 136 voti a 36 ha approvato una mozione in tal senso

BERNA - La popolazione di lupi deve poter essere rapidamente regolata: in particolare va reso possibile abbattere in tempi brevi gli animali che causano danni. È quanto ritiene il Consiglio nazionale che oggi, per 136 voti a 36, ha sostenuto una mozione della sua Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia.

Una mozione dello stesso tenore è stata approvata, nella giornata di ieri, anche dagli Stati. Entrambi gli atti parlamentari saranno dunque trasmessi al Consiglio federale.

Il testo incarica il governo di sfruttare il margine di manovra concesso dall'attuale legge sulla caccia per creare le premesse di una convivenza regolamentata fra esseri umani, grandi predatori e animali da reddito, procedendo alle necessarie modifiche a livello di ordinanza e di disposizioni d'esecuzione.

La revisione della legge sulla caccia, bocciata di misura dal popolo lo scorso settembre, avrebbe potuto stemperare la situazione, ha detto a nome della commissione Christine Bulliard-Marbach (Centro/FR). Seppure la decisione dei cittadini vada rispettata, bisogna trovare una soluzione pragmatica al problema del lupo, ha aggiunto la deputata. Non fare niente non è un'opzione, le ha dato man forte la ministra dell'ambiente Simonetta Sommaruga. L'obiettivo è agire entro l'estate.

Tra le altre cose, la mozione vuole che l'esecutivo adotti misure per rafforzare ed estendere la protezione delle greggi, in particolare sugli alpeggi e nei pascoli. Le disposizioni vanno poi ritoccate in modo tale da poter escludere in ogni momento la possibilità che un lupo solitario o dei branchi si abituino all'essere umano o divengano una minaccia per quest'ultimo.

Il primo lupo è apparso in Svizzera nel 1995. Nel frattempo, si sono formati otto branchi. Il numero di esemplari sta crescendo, tanto che, stando alle stime, tra la fine del 2019 e l'autunno 2020 si è passati da un'ottantina di animali a un centinaio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
41 min
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
2 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
3 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
4 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
6 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
6 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
SVIZZERA
8 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
9 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
11 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
22 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile