Ti-Press
SVIZZERA
09.03.21 - 09:580

Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione

Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».

Si tratta della peggiore percentuale a livello mondiale.

BERNA - Le aziende svizzere puntano sulla responsabilità individuale in materia di coronavirus: solo l'1% delle imprese interrogate nell'ambito di un sondaggio ritiene che tutti i dipendenti (o tutti quelli effettivamente sul posto di lavoro) debbano essere vaccinati.

Si tratta della percentuale più bassa a livello mondiale, afferma in un comunicato odierno Gianni Valere, direttore della filiale elvetica di Manpower, la multinazionale attiva nel settore del lavoro temporaneo che ogni trimestre interroga 42'000 ditte in 43 paesi sulle prospettive d'impiego e su altri ambiti.

Interpellate sull'approccio che applicheranno con i dipendenti una volta che il vaccino Covid-19 sarà disponibile per tutta la popolazione, il 49% delle imprese svizzere afferma di non avere alcun piano per introdurre una politica di vaccinazione, il 41% consiglia la vaccinazione ma non la prescrive, l'1% pensa che tutti debbano essere vaccinati, un altro 1% è per il vaccino per tutti coloro che sono effettivamente sul posto di lavoro, ancora un 1% richiederà la vaccinazione per alcuni ruoli, mentre il 7% si astiene dal rispondere.

Su scala mondiale il 16% degli interpellati intendono imporre la vaccinazione, con punte del 43% in Brasile e del 45% in Messico. Debole è invece la quota per esempio anche negli Stati Uniti (4%).

Altra domanda, nei prossimi 6-12 mesi come opereranno i dipendenti? Per il 53% delle imprese svizzere saranno attivi con un mix d'impiego a distanza e in azienda, il 41% mantenendo le maestranze in fabbrica o in ufficio per la maggior parte del tempo, mentre solo il 3% punta al telelavoro per la gran parte.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 7 mesi fa su tio
Il vaccino indebolisce il sistema immunitario e prepara il terreno ad altre infezioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
1 ora
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
1 ora
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
3 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
4 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
5 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
14 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
14 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
20 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
20 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile