keystone
BERNA
05.03.21 - 14:310
Aggiornamento : 19:35

Test gratuiti per tutti dal 15 marzo

Questa la strategia del Consiglio federale in vista delle prossime riaperture.

Per incentivare la popolazione a farsi testare, i costi saranno assunti integralmente dalla Confederazione.

BERNA - Per interrompere in modo mirato le catene di contagio bisogna poter identificare rapidamente i portatori del virus. Ne è convinto il Consiglio federale che, a tale scopo, ha progettato una strategia ad-hoc. I test sono dunque un elemento fondamentale nella lotta alla pandemia.

Ora che sono disponibili capacità di test e di laboratorio sufficienti e ci si potrà presto testare da soli, il Governo federale intende intensificare i test rendendoli gratuiti per tutti. In questo modo vuole favorire la riapertura graduale della vita sociale ed economica.

«Ci troviamo in una situazione nuova», ha sottolineato Alain Berset nel corso di un incontro con i media da Berna. «Abbiamo modificato la nostra strategia in modo da poter essere in grado di mantenere il controllo della situazione. È un enorme cambiamento di rotta» ha aggiunto.

«Poiché le varianti più contagiose del virus si stanno diffondendo sempre più rapidamente - ha aggiunto -, bisogna rafforzare la prevenzione e il rilevamento tempestivo dei focolai locali. L'obiettivo è che il 40 per cento di tutte le persone in Svizzera venga testato regolarmente», afferma Berset.

Previsti test gratuiti dal 15 marzo - Il Consiglio federale ha già esteso più volte la strategia di test. Oggi la Confederazione non finanzia soltanto i test delle persone con sintomi, ma anche quelli delle persone senza sintomi nelle case per anziani e nelle scuole e quelli necessari per soffocare i focolai locali. Dal 15 marzo assumerà i costi di tutti i test.

Test a ripetizione nelle imprese e nelle scuole - La popolazione mobile delle imprese e delle scuole sarà controllata a ripetizione con test salivari di gruppo. Con questo sistema, i campioni prelevati dalle persone testate non sono analizzati individualmente, ma tutti insieme. In questo modo si riducono notevolmente i costi del materiale e si risparmia molto tempo.

I test a ripetizione nelle imprese non sostituiscono tuttavia i piani di protezione, ma ne costituiscono piuttosto un rafforzamento. «La partecipazione sarà ovviamente facoltativa - fa notare Berset -. Inoltre, le aziende che testano regolarmente l'80% della loro forza lavoro non dovranno mettere in quarantena chi non ha sintomi». 

Test fai da te per tutti - Sin dall’inizio, il successo della lotta alla pandemia dipende anche dalla responsabilità individuale della popolazione. Il Consiglio federale vuole pertanto facilitare anche l’accesso ai test fai da te. Tutti dovrebbero potersi testare regolarmente, anche se non hanno sintomi.

L’idea è che ogni persona possa ritirare cinque test fai da te al mese. Poiché non sono ancora disponibili sufficienti informazioni sul loro impiego da parte delle persone asintomatiche, l’Ufficio federale della sanità pubblica non ha ancora approvato questi test. «Ma non appena saranno disponibili li distribuiremo - assicura Berset -. Il prerequisito è che soddisfino gli standard di qualità». l Consiglio federale propone quindi che la Confederazione assuma anche i costi dei test rapidi effettuati nelle farmacie e nei centri di test. Questa regola si applica anche ai frontalieri.

Berset presume che gli autotest saranno disponibili al più presto ad aprile. Se verranno introdotti, non sarà pratico comunicare i risultati negativi all'UFSP. «Chiunque abbia un test rapido positivo deve eseguire un test PCR ed entrare in quarantena» sottolinea il Consigliere federale. «Riteniamo che nel momento in cui questa strategia sarà operativa e a regime, potremo andare avanti con ulteriori riaperture. Quello che non vogliamo è un effetto yo-yo. La cautela resta centrale».

L’estensione della strategia di test comporta dei rischi - L’estensione della strategia di test comporta determinati rischi, perché ogni risultato costituisce soltanto un’istantanea. Inoltre, i test fai da te sono molto meno affidabili dei test PCR. Un risultato negativo non deve dare un senso di falsa sicurezza e indurre a comportamenti superficiali. Sarà ancora necessario indossare la mascherina e tenersi a distanza. È inoltre importante che le persone risultate positive a un test rapido o a un test fai da te si sottopongano a un test PCR di conferma e si mettano immediatamente in isolamento. Resta ancora da appurare se per partecipare a determinate manifestazioni o per accedere a determinati settori possa essere richiesto un test negativo.

Privilegi per coloro che risulteranno negativi? «Se ne parlerà - conclude Berset -. Per ora ci vuole un test PCR negativo per viaggiare, ma passo dopo passo studieremo come muoverci per il futuro. La priorità assoluta ora, nonostante la fragile situazione, è muoversi verso la normalità, ma senza correre rischi troppo grandi. E sappiamo che un certo rischio lo stiamo già correndo».

Costi stimati in un miliardo di franchi - I costi per l’estensione della strategia di test sono stimati per il 2021 a oltre un miliardo di franchi. La base legale è costituita dalla legge COVID-19, limitata fino alla fine dell’anno.

Autotest

«Ce ne sono alcuni già in circolazione. Sono usati nel naso, ma non bisogna andare troppo in profondità», spiega Berset. «La questione dell'affidabilità è ora centrale», afferma il Consigliere federale. «Se non funzionano per persone asintomatiche, non possiamo usarli». Chiaramente, come già accade per i test attualmente in circolazione, «non saranno in gradi di determinare la mutazione del virus».

Non saranno previsti acquisti da parte della Confederazione. Si prevede piuttosto che le aziende che li producono arriveranno sul mercato con i loro prodotti. Saranno distribuiti attraverso le farmacie. 

Dovessero risultare positivi dovranno essere seguiti da un test PCR per scongiurare il rischio di falsi positivi. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maranzotto 9 mesi fa su tio
A mio avviso sarebbe utile produrre un test istantaneo, tipo quello per l'alcool, da potere fare ed esibire, che permetta a tutti un vita " normale" senza i vincoli delle vaccinazioni, nel rispetto delle idee e della salute di tutti. Sono certo che la gente, senza le pressioni che ci stanno dando oggi, sarebbe più propensa a fare la cosa giusta da sè! Ovviamente bisognerebbe avere la volontà di produrli questi oggetti!!!!!
Racobe70 9 mesi fa su tio
Non penso di godere del fatto che ci si vaccini; ognuno deve essere libero di fare quello che si sente a questo mondo. Personalmente sono stato malato, so come ci si sente... e ti confesso che non vedo l’ora di farmi vaccinare!
Didimon 9 mesi fa su tio
70000 che entrano dalla zona arancio scuro o rossa?
jakob 9 mesi fa su tio
Ridicolo. Ospedali vuoti. Pochissimi casi gravi. Ma noi andiamo avanti a cercare i positivi asintomatici.... per poi giustificare le misure intelligenti con il numero crescente. Demenziale
TGas 9 mesi fa su tio
@jakob Ospedali vuoti e pochi casi grazie alle misure anti-Covid. La ricerca dei positivi asintomatici è essenziale per spegnere sul nascere l’aumento esponenziale di casi che seguirebbe. Troppo difficile ragionare un po’? Se non si conosce la matematica statistica ci si può affidare a chi la conosce al posto di trarre conclusioni sbagliate.
Racobe70 9 mesi fa su tio
Tutti i paesi del mondo in questo momento stanno parlando di vaccini... mentre in Svizzera si parla ancora di test e tamponi. Ma vergonatevi!
briciola68 9 mesi fa su tio
@Racobe70 E tu pensi che tutti si vaccineranno per farti contento! Per forza ci vogliono anche i test! Guarda in Germania come si stanno muovendo...
Maranzotto 9 mesi fa su tio
@Racobe70 Prima di fare queste affermazioni, che ritengo essere gravi, le chiederei di rispettare le opinioni altrui e di informarsi tramite i veri medici e virologi, quelli al di fuori del pensiero unico, prima di fare tali affermazioni! in internet sono presenti tutti i foglietti illustrativi dei vari "vaccini" , occupi un po' del suo tempo per leggerli e poi prenda nuovamente una posizione! Sarebbe corretto ed onesto prima informarsi ascoltando le diverse opinioni mediche e poi trarre conclusioni ma ragionate con la propria testa e non con quella che ci viene quotidianamente martellata dai media in tv e radio....non crede?
negang 9 mesi fa su tio
Test ??? Ma fate questi vaccini cacchio !!!
TGas 9 mesi fa su tio
@negang Sono d’accordo, però mentre si aspettano le forniture (😑) meglio avere accesso a test di massa, per spegnere sul nascere focolai ad esempio nelle scuole o sul posto di lavoro.
Alessandro 69 9 mesi fa su tio
Strano che un virus così letale bisogna andarlo a cercare col lanternino,affidabilità test PCR ?? Siccome creano il 95% di falsi positivi e ormai lo sanno tutti, facciamo altri test così continuiamo a mandare avanti il circo Ma uno di voi giornalai quando fate le domande, perché non chiedete mai il numero settimanale di deceduti per cancro,infarto suicidi? A no vero non fa notizia, o meglio cade il castello di sabbia
TGas 9 mesi fa su tio
@Alessandro 69 La rilevazione genetica con PCR è molto affidabile e precisa.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
5 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
7 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
8 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
9 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
11 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
11 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
13 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
13 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
14 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile