Keystone
SVIZZERA
05.03.21 - 13:230
Aggiornamento : 13:46

La Svizzera commemora le vittime del coronavirus

Un minuto di silenzio in tutto il Paese per ricordare le 9'300 vittime del Covid

Il messaggio del presidente della Confederazione su Twitter rivolto a «chi ci ha lasciato, chi soffre, chi continua a lottare per recuperare la salute o il lavoro»

BERNA - Con un minuto di silenzio e i rintocchi delle campane, la Svizzera ha commemorato sul mezzogiorno le oltre 9300 vittime del coronavirus. Il 5 marzo 2020 si registrava la prima morte legata al Covid-19 nella Confederazione, una 74enne vodese. Mercoledì, il presidente della Confederazione Guy Parmelin aveva invitato gli svizzeri a osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del virus oggi alle 11.59. Al termine di esso, le chiese hanno suonato le proprie campane.

Il ricordo di Parmelin - Con questo momento di raccoglimento non si è voluto solo ricordare i morti ed esprimere solidarietà verso chi ha perso una persona cara. L'intenzione del gesto era mandare un pensiero anche a chi soffre tuttora per la malattia, a chi si sta riprendendo e a chi li ha sostenuti durante il processo. Stamattina, Parmelin è apparso in un video postato su Twitter, nel quale ha ricordato «chi ci ha lasciato, chi soffre, chi continua a lottare per recuperare la salute o il lavoro». Nel filmato, il presidente della Confederazione ha menzionato anche il personale sanitario, sottolineandone l'incessante impegno giorno e notte.

Il pesante tributo svizzero - «Questa pandemia ha stravolto il mondo intero. La Svizzera ha pagato un tributo pesante», ha proseguito Parmelin, riferendosi sia al bilancio delle vittime sia agli enormi danni subiti dall'economia. Il minuto di raccoglimento permette «i testimoniare tutti insieme, nel silenzio dei nostri cuori, la nostra amicizia, il nostro sostegno e la nostra riconoscenza».

I pochi precedenti - È raro che il Consiglio federale solleciti a rispettare un minuto di silenzio a livello nazionale. Stando agli archivi di Keystone-ATS, l'allora presidente della Confederazione Joseph Deiss aveva invitato a osservarne tre dopo gli attentati di Madrid del 2004, che fecero quasi 200 morti. Un momento di raccoglimento si era tenuto anche il 1° ottobre 2001, a qualche giorno dalla strage al Parlamento di Zugo, in cui persero la vita 15 persone. Due settimane prima, ne erano stati rispettati tre in omaggio alle oltre 3000 vittime degli attacchi dell'11 settembre. Il Consiglio federale, dopo aver consultato i due presidenti delle Camere, ha deciso di non organizzare una cerimonia commemorativa ufficiale. La scelta è stata dettata da ragioni di tipo epidemiologico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Code a mai finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SAN GALLO
5 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
BERNA
8 ore
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
9 ore
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
10 ore
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
SAN GALLO
13 ore
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
1 gior
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
1 gior
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
1 gior
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile