Deposit - foto d'archivio
SVIZZERA
02.03.21 - 17:020

Anche i media online riceveranno dei contributi

Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo

Jon Pult: «Non occuparsi di questi nuovi tipi di media sarebbe una grave negligenza». Sommaruga: «Sarebbe difficile spiegare ai lettori che il cartaceo è sostenuto e l'online no».

BERNA - I media online vanno sostenuti mediante 30 milioni di contributi federali e un importo di 120 milioni di franchi va destinato al finanziamento indiretto della stampa. Dopo un dibattito durato oltre cinque ore, il Consiglio nazionale ha adottato la nuova legge in materia per 111 voti a 67 e 17 astensioni.

I media devono far fronte a cambiamenti strutturali, con in particolare un dimezzamento degli introiti pubblicitari, e gli aiuti devono permettere di attraversare questo periodo, ha rilevato la consigliera federale Simonetta Sommaruga. Come detto, i deputati si sono espressi in favore di un contributo federale di 30 milioni all'anno per i media elettronici. Lo scorso autunno il plenum aveva rinviato il progetto in commissione proprio allo scopo di integrare tale tema nella nuova legge.

Non occuparsi di questi nuovi tipi di media sarebbe una grave negligenza, ha sottolineato Jon Pult (PS/GR). Sarebbe inoltre difficile spiegare ai lettori che quando sfogliano un giornale cartaceo questo è sostenuto, mentre ciò non avviene quando leggono un articolo online, ha aggiunto la ministra della comunicazione.

Per la maggioranza della Camera del popolo, i media online devono finanziarsi però il più possibile sul mercato e non dipendere sul lungo termine da sovvenzioni, ha spiegato l'altro relatore commissionale Philipp Kutter (Centro/ZH). Il plenum ha quindi deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo.

Una minoranza di sinistra ha invece proposto invano di fissare la quota massima all'80%, volendosi così adeguare al Consiglio federale e al Consiglio degli Stati. A suo avviso, mentre i grandi editori possono già beneficiare di aiuti indiretti, i piccoli gruppi mediatici potranno produrre contenuti online soltanto con una percentuale più elevata.

Con 112 voti a 79 e 4 astenuti, la Camera del popolo si è inoltre espressa a favore del mantenimento della cosiddetta clausola holding allo scopo di evitare una concentrazione ancora più forte dei media. In questo caso, la destra si è opposta invano, ritenendo che le grandi imprese mediatiche propongono diverse offerte online e contribuiscono già alla diversità, con svariate redazioni regionali.

Il pacchetto di aiuti - che ha una durata limitata di 5 anni sia per la promozione indiretta della stampa che per l'intera legge sulla promozione dei media online - torna dunque ora agli Stati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
La polizia sgombera un party privato con 40 invitati
L'operazione nel cuore della notte a Zurigo. Tutti multati, e denunciati gli organizzatori
SVIZZERA
3 ore
«Bisogna vietare ai circhi di tenere animali selvatici in gabbia»
La richiesta di diverse associazioni animaliste in occasione della giornata nazionale del circo
ZURIGO
4 ore
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
4 ore
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
13 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
14 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
16 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
17 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
18 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
SVIZZERA
19 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile