tipress (Archivio)
ZURIGO
02.03.21 - 08:580

Poche donne nelle direzioni delle grandi imprese

Nemmeno sfiorata la soglia, stabilita dalla legge, del 20%

Solo il 13% dei membri di direzione delle imprese dell'SMI è di sesso femminile. Nessuna è alla presidenza.

ZURIGO - Le aziende svizzere hanno ancora molta strada da fare per avere più donne nelle loro direzioni: la maggior parte delle società quotate nell'SMI, il principale indice della borsa elvetica, non raggiunge la soglia del 20% definita dalla legge e nessuna di esse ha un Ceo femminile. La Confederazione non brilla nel confronto internazionale.

Nessuna alla presidenza - Complessivamente le 20 imprese dell'SMI hanno il 13% di membri delle direzione donne, con un aumento di un punto percentuale rispetto al 2020, rivela un'analisi pubblicata oggi della società di consulenza del personale Russell Reynolds. Nessuna si trova inoltre alla presidenza dell'organo esecutivo e solo una ha la responsabilità delle finanze (CFO).

Lontani dall'obiettivo - I grandi gruppi svizzeri sono quindi ancora lontani dal rispettare la normativa, entrata in vigore quest'anno, che prevede per le società quotate in borsa con almeno 250 dipendenti una quota del 30% di donne nei consigli di amministrazione (Cda) e del 20% nelle direzioni. Le società avranno comunque cinque anni per modificare la composizione dei Cda e dieci anni per gli organi esecutivi. Anche allora non saranno peraltro previste sanzioni: le aziende non in regola dovranno infatti solo spiegare nel loro rapporto d'esercizio perché non hanno raggiunto gli obiettivi prefissati e presentare misure per migliorare la situazione.

I virtuosi - Sette ditte dell'SMI sono comunque virtuose, in un ottica femminile, e superano il 20%: le più performanti sono Credit Suisse (27%), Lonza (25%) e Zurich (25%). La gran parte si situa fra l'8% di Swiss Re e il 17% di Nestlé. I peggiori risultati - niente donne nel management - sono segnati da Swisscom, Swiss Life, SGS, Richemont, Geberit e Alcon. Gli autori della ricerca hanno inoltre peraltro anche notato come nessuna delle dirigenti di nuova nomina sia di nazionalità svizzera.

Le società quotate nell'indice ampliato SMIM, da parte loro, hanno fatto un sensibile balzo in avanti, passando da una quota dell'8% nel 2020 al 13% di quest'anno. Temenos (36%), Ems-Chemie (25%) e Logitech (25%) sono le aziende maggiormente avanzate in termini di management femminile, mentre SIG Combibloc, Cembra Money Bank e Flughafen Zurich hanno direttori tutti uomini. C'è anche una Ceo donna: si tratta di Magdalena Martullo-Blocher (Ems-Chemie).

In fondo alla classifica - In un confronto internazionale la Svizzera si situa in fondo alla classifica, che è dominata dalla Norvegia, con una quota del 30% di donne nella gestione delle loro grandi imprese. Seguono Regno Unito (26%) e Svezia (25%). Il dato della Confederazione non si discosta peraltro molto da quello di suoi vicini quali Germania (11%) e Italia (13%).
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
3 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
14 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
16 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
16 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
16 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
20 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
20 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
20 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile