Deposit (immagine illustrativa)
SVIZZERA
01.03.21 - 18:300

Nessuna carcerazione preventiva (nemmeno) per i sospetti terroristi

Respinta dagli Stati una mozione UDC: «Il provvedimento è contrario alla Convenzione europea dei diritti umani».

Il testo richiedeva una carcerazione preventiva senza fissare limiti di tempo.

BERNA - La carcerazione preventiva al ritorno in Svizzera di persone contro cui vi sono indizi per attività terroristiche è contraria alla Convenzione europea dei diritti umani (CEDU).

Con questa motivazione, il consiglio degli Stati ha respinto oggi per 37 voti a 5 e un'astensione una mozione dell'UDC, già accolta dal Nazionale ma ormai archiviata, che chiedeva il carcere preventivo per le persone che rientrano in Svizzera sospettate di terrorismo finché le autorità non hanno verificato la reale pericolosità del soggetto in questione.

A nome dei democentristi, Werner Salzmann (UDC/BE) ha tentato di far cambiare opinione alla maggioranza del plenum, sostenendo che gli attuali strumenti per contrastare il terrorismo non sono più adeguati. L'attentato di Morges (VD) e di Lugano «dimostrano che il terrorismo è già tra noi», ha affermato Salzmann. Per quanto riguarda l'attacco a Lugano da parte di una donna armata di coltello, l'Ufficio federale di polizia aveva già raccolto informazioni sull'attentatrice, considerata una simpatizzante islamista, ma quest'ultima era libera di muoversi.

Secondo il "senatore" democentrista, il fatto di essere affiliati a organizzazioni terroristiche è già sinonimo di pericolosità. Per questo motivo, quando certi soggetti rientrano da determinati Paesi, come la Siria, vanno incarcerati finché le autorità non avranno verificato se la persone in questione rappresenti o meno un pericolo. «Non voglio vedere insegnanti decapitati in Svizzera come accaduto in Francia», ha sottolineato Salzmann.

Seppur mostrano una certa comprensione per gli argomenti del "senatore" bernese, Thierry Burkart (PLR/AG) ha sostenuto che l'atto parlamentare viola i diritti umani: non è possibile infatti che lo Stato ordini la carcerazione di un sospettato e che poi spetti alle stesse autorità, dopo le verifiche del caso, decidere o meno se scarcerarlo. A suo avviso, una simile procedura viola lo stato di diritto. Per Burkart, lo strumentario attuale, e quello che potrebbe entrare in vigore dopo la votazione di giugno che prevede ulteriori provvedimenti restrittivi, è sufficiente.

Un ragionamento ripreso anche dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter, secondo cui già oggi è possibile la carcerazione preventiva nei confronti di persone ricercate per terrorismo che rientrano in Svizzera, nonché la carcerazione di sicurezza. Quanto alla mozione, il problema secondo la ministra di giustizia e polizia è che non fissa limiti di tempo. Lo Stato non può incarcerare per sempre una persona sospettata di terrorismo, ha spiegato la ministra sangallese PLR.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 7 mesi fa su tio
Primo punto ; il Provvedimento è contrario alla convenzione europea dei diritti umani ; secondo punto ; chiedere subito scusa ai terroristi ; terzo punto ; se mai dovessero essere incarcerati, che non sia una prigione, ma un albergo a 5 stelle ; 4 punto a tutti coloro che hanno votato contro la mozione, direi : andate a c....e , scalda sedie incompetenti e pusillanimi conigli, (senza offesa per i simpatici animaletti).
seo56 7 mesi fa su tio
Schifezza!!
ciapp 7 mesi fa su tio
no comment ! é propio vero piu ne fai piu sei sostenuto ! povera svizzera ti stanno rottamando
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
4 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
4 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
6 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
7 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
8 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
8 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
10 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
11 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile