Ti Press (archivio)
SVIZZERA
01.03.21 - 15:390
Aggiornamento : 15:58

Covid fonte di stress per gli infermieri

Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.

C'era d'aspettarselo. È però cresciuta anche la soddisfazione complessiva e la motivazione.

BERNA - Il personale infermieristico si è sentito significativamente più stressato durante la prima ondata pandemica rispetto a un anno prima. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dall'Università di Berna su 4100 infermieri in diciannove ospedali svizzeri.

Le ragioni dell'aumento di stress sono chiaramente da ricercare nel Covid-19 e in particolare nel rischio di trasmissione ai familiari e nell'esigenza di mantenere le distanze con i propri cari, sottolinea l'ateneo in una nota odierna.

L'indagine ha anche evidenziato che il carico di lavoro è generalmente aumentato durante la prima ondata, in modo particolare per i dipendenti del pronto soccorso e dei reparti di terapia intensiva, dove si è assistito a una crescita del 31%.

La soddisfazione degli infermieri per il loro salario è scesa del 9,4%, rispetto al 2019. Nonostante ciò, la soddisfazione complessiva degli infermieri sul lavoro e la loro fidelizzazione all'ospedale è rimasta invariata o in alcuni casi è addirittura aumentata leggermente.

«Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il riconoscimento pubblico del lavoro degli infermieri è aumentato», afferma uno degli autori dello studio, Arthur Posch, citato nella nota. Secondo l'inchiesta, gli infermieri hanno mostrato una motivazione e un impegno verso il loro reparto ancora maggiore, per esempio rimandando le vacanze in caso di carenza di personale.

È stato inoltre pagante quando la direzione di un ospedale ha preso misure per migliorare le condizioni di lavoro, come la comunicazione di linee guida chiare su come trattare i pazienti affetti da Covid 19 e la messa a disposizione di un numero sufficiente di test. Infine, una minoranza del personale - il 38% degli interpellati - ha ricevuto una ricompensa dall'ospedale durante la prima ondata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
8 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
8 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
8 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
12 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
12 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
13 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
13 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
14 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile