keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
La manifestazione di sabato 20 febbraio a Wohlen
ARGOVIA
27.02.21 - 20:150
Aggiornamento : 28.02.21 - 08:45

Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco

Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».

WOHLEN - La partecipazione all'ultima di una lunga serie di manifestazioni contro le misure anti Covid-19 e l'invito, lanciato ai presenti dal palco, a togliersi la mascherina e abbracciarsi è costato il posto di lavoro a un docente del liceo cantonale di Wohlen. Markus Häni è stato licenziato con effetto immediato per aver parlato in qualità d'insegnante alle dipendenze del Cantone, ma rifarebbe «tutto», assicura.

«Come docente ho il dovere e il diritto di valutare e criticare delle misure se non sono in ordine», ha scandito Häni sabato 20 febbraio davanti a una folla di più di mille dimostranti, diversi dei quali senza mascherina. Come riporta l'Aargauer Zeitung (AZ), l'insegnante ha quindi esortato i presenti a liberarsi della mascherina e abbracciarsi.

«Sui motivi (del licenziamento, ndr) possiamo dire che la questione non si limita allo scorso fine settimana», ha dichiarato a Tele M1 il direttore della Scuola cantonale di Wohlen, Matthias Angst, che ha confermato il licenziamento ordinario con effetto immediato. «Si tratta di un processo molto più lungo», ha aggiunto. Da un anno Häni manifesta infatti contro le misure anti Covid, partecipando a manifestazioni come quella di sabato scorsa e dando interviste, riferisce l'AZ.

Sabato, però, si è presentato al pubblico della "marcia di protesta" come «docente» e sul volantino della manifestazione era indicato del resto come «Docente di scuola cantonale». Troppo per il direttore del suo liceo, sentito anche dall'AZ: «Fintanto che la vita privata e il lavoro sono chiaramente separati non abbiamo di base alcun problema», ha assicurato Angst.

Secondo Häni, quanto scritto sul volantino sarebbe frutto di una «incomprensione». Sabato, non si sarebbe presentato davanti al pubblico come docente di scuola cantonale. «La direzione - però - era dell'avviso che la mia attività pubblica di critico delle misure non era più compatibile con l'attività scolastica», afferma Häni sentito oggi da Tele M1.

L'ex docente capisce la decisione del direttore, che si trovava in una «posizione scomoda» tra critiche dai media e rispetto della libertà di opinione, ma ripeterebbe di nuovo «ogni parola» detta sabato scorso a Wohlen: «Non mi pento assolutamente di nulla. Ho parlato con il cuore, volevo toccare il cuore della gente e ci sono riuscito», sostiene. A suo avviso, «è preoccupante per il nostro stato di diritto e per lo stato di salute della nostra società che io non possa esprimere la mia libera opinione con una descrizione professionale».   

keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
8 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
8 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
8 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
12 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
12 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
13 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
13 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
14 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile