tipress (archivio)
BERNA
26.02.21 - 08:510

Il Covid accresce la pressione su AVS e AI

Secondo il direttore dell'UFAS occorre urgentemente una riforma del sistema delle istituzioni sociali.

Il problema concerne innanzitutto le fonti di denaro. I contributi salariali e l'IVA diminuiscono inevitabilmente e i consumi si riducono

BERNA - Il direttore dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), Stéphane Rossini, esorta a una riforma urgente del sistema delle istituzioni sociali in Svizzera. A suo, avviso, la crisi legata al coronavirus accresce infatti la pressione sull'AVS e l'AI.

«I deficit imminenti dell'AVS saranno ancora più importanti di quelli previsti prima della crisi e, per l'AI, il rimborso dei debiti durerà più a lungo», ha dichiarato Rossini in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung.

Il problema concerne innanzitutto le fonti di denaro, ha aggiunto il direttore dell'UFAS. I contributi salariali e l'IVA diminuiscono inevitabilmente e i consumi si riducono, secondo il 58enne vallesano. La crisi, inoltre, conferma il fatto che l'Assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS) non può essere finanziata a lungo termine senza crescita economica.

Covid-19 lungo e conseguenze sull'AI - L'ex consigliere nazionale socialista vede pure un problema con l'Assicurazione invalidità (AI). «In questi ultimi anni, abbiamo costantemente orientato l'AI sull'integrazione: una rendita è versata soltanto se un ritorno al lavoro è davvero possibile».

Tuttavia, ha osservato Rossini, v'è da temere che la crisi generi la perdita di numerosi impieghi, soprattutto nei settori dalle esigenze meno severe, settori particolarmente importanti per questa integrazione professionale. «Ciò è difficile da un punto di vista umano per le persone toccate e può essere molto dispendioso per le assicurazioni sociali».

Rossini evidenzia inoltre le incertezze legate agli effetti di un Covid-19 lungo. Le persone interessate dal problema avrebbero in linea di massima diritto all'AI, se non sono più idonee a lavorare a causa del coronavirus, ha aggiunto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Le scellerate misure, non il covid. Prendetevi le vostre responsabilità.
madras 1 mese fa su tio
Basta investire soldi in finti rifugiati e regalare miliardi a destra e a manca.
Luca 68 1 mese fa su tio
Ai dovrebbe vergognarsi, manda a lavorare gente con seri problemi di salute, basandosi solo su perizie ridicole e evidentemente di parte!!!!
Giorgio Levy 1 mese fa su tio
l'AVS è già da fame ???
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
44 min
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
1 ora
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
3 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
13 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
14 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
14 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
15 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
18 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
18 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
19 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile