keystone
SVIZZERA
23.02.21 - 14:280
Aggiornamento : 15:13

Rischio povertà, l'allarme di Caritas: «Il peggio deve ancora arrivare»

Critiche alle carenze dello Stato. «Troppe richieste d'aiuto». Gli stranieri i più colpiti.

BERNA - La crisi sociale innescata dalla pandemia si deteriora costantemente e il peggio deve ancora venire. Caritas lancia un appello al mondo politico affinché proroghi gli aiuti alle persone economicamente fragili per garantire loro i mezzi di sussistenza.

Il numero di richieste di aiuto ai consultori sociali di Caritas lo scorso anno è stato ben al di sopra della media ed è aumentato ulteriormente con la seconda ondata pandemica, spiega l'associazione caritativa in un comunicato. I provvedimenti per contenere la diffusione del coronavirus hanno colpito in particolar modo la manodopera a basso reddito.

«Molti dipendenti - spiegano gli operatori di Caritas - e lavoratori autonomi hanno fatto di tutto per superare la crisi con le proprie forze. Tanti hanno chiesto aiuto solo dopo aver prosciugato i risparmi, ma annunciandosi troppo tardi all'assistenza sociale hanno subito perdite poiché i costi non vengono coperti retroattivamente. Gli stranieri invece rinunciano il più delle volte all'assistenza perché temono di mettere a rischio il loro permesso di soggiorno.

Caritas punta il dito contro le lacune del sostegno statale, che devono essere colmate dalle organizzazioni umanitarie. Le famiglie con un reddito poco superiore alla soglia dell'assistenza spesso non ricevono sostegno dagli enti pubblici per le questioni finanziarie e amministrative e devono quindi rivolgersi altrove. L'accesso all'assistenza sociale o alla riduzione dei premi di cassa malattia è complicato dal fatto che le richieste possono essere presentate solo per telefono o online e per ottenere questi aiuti ci vuole in generale molto tempo, mentre i bisogni di queste persone però sono immediati.

Dall'inizio della crisi, un anno fa, la Caritas ha sostenuto 17'000 persone in tutta la Svizzera con oltre 6 milioni di franchi. «I costi sociali ed economici della pandemia sono già alti oggi, ma gli effetti più gravi devono ancora arrivare», afferma Peter Marbet, direttore di Caritas Svizzera, citato nella nota.

Caritas lancia quindi un appello alla politica chiedendo di prorogare l'indennità per lavoro ridotto al 100% per i redditi più bassi fino al termine della pandemia, invece che mantenere la scadenza a fine marzo come previsto. Inoltre occorre facilitare l'accesso all'assistenza sociale e ai servizi di consulenza per far sì che gli aiuti arrivino dove ce ne è bisogno.

Le persone che vivono appena al di sopra della soglia di povertà non possono attendere di raggiungere il limite per accedere all'assistenza sociale perché questo significherebbe aver consumato tutte le riserve. Senza contare che attualmente la soglia è troppo bassa e preclude la partecipazione alla vita sociale.

Caritas propone pagamenti diretti basati sul modello delle prestazioni complementari per evitare un incremento esponenziale dei beneficiari dell'assistenza sociale. Ritiene inoltre necessario investire maggiormente nell'accompagnamento e nel coaching, in modo che le persone non siano lasciate sole con le loro preoccupazioni e le loro difficoltà, ma possano avere delle prospettive.

L'aiuto delle Chiese evangeliche svizzere, dal canto suo, lancia una campagna nazionale invitando la popolazione alla solidarietà con chi è nel bisogno a seguito della pandemia. La campagna utilizza le immagini ufficiali dell'UFSP, aggiungendo un messaggio di solidarietà: «Come lavorare a casa senza lavoro? Come rimanere a casa in caso di febbre e tosse senza casa? Come mantenere le distanze quando non hai visto nessuno per molto tempo perché sei isolato?» , si legge sui cartelloni.

L'ONG ricorda che gestisce numerosi progetti in Svizzera - volti a rompere l'isolamento sociale e a continuare ad aiutare, informare e sostenere - e all'estero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ginevra
4 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
6 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
6 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
9 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
12 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
12 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
13 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
14 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
15 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
1 gior
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile