Immobili
Veicoli
Archivio Keystone (immagine illustrativa)
SVIZZERA
23.02.21 - 12:130
Aggiornamento : 12:31

Unia critica DPD: «Pessime condizioni di lavoro»

Il sindacato ha chiesto di avviare le trattative per migliorare la situazione. Ma l'azienda avrebbe sinora rifiutato

BERNA - Le condizioni di lavoro del personale impiegato nella consegna dei pacchi di DPD sono pessime. Lo ha detto stamani Unia in una nota, sottolineando orari eccessivamente lunghi, ore di lavoro non retribuite, stress estremo, sorveglianza. Dipendenti e sindacato hanno chiesto all'azienda di avviare trattative per migliorare la situazione ottenendo finora aperto rifiuto e repressione, aggiunge.

L'elenco dei problemi è lungo, secondo Unia: le autiste e gli autisti riferiscono regolarmente di giornate lavorative di 12-14 ore e di ore straordinarie prestate non retribuite.

Accanto a questo furto salariale - prosegue la nota - vanno segnalati anche deduzioni salariali illecite, infrazioni delle norme in materia di lavoro notturno, mancato versamento delle indennità per i pasti, sorveglianza in tempo reale abusiva, carichi di lavoro nocivi per la salute, mancanza di servizi igienici, veicoli in condizioni inadeguate, mancanza di informazioni sui piani di protezione contro il coronavirus. Vengono inoltre violati i diritti sindacali del personale, aggiunge Unia.

Autiste e autisti non sono assunti direttamente da DPD, bensì da circa 80 subappaltatori, il cui unico scopo è provvedere alle forniture di DPD, per il quale l'azienda scarica sistematicamente i rischi e le spese sui subappaltatori e sul personale, mantenendo tuttavia l'intero controllo su tutte le operazioni, critica Unia.

Poiché nella distribuzione i costi salariali costituiscono una parte decisiva del conto d'esercizio, è impossibile per la concorrenza competere nel rispetto delle norme, se fornitori sleali risparmiano fino a un terzo dei costi salariali con le pratiche descritte, rileva infine Unia, ricordando che La Posta svizzera, ad esempio, è sottoposta alla concorrenza diretta di DPD, un'azienda che in ultima analisi appartiene al gruppo francese La Poste ovvero allo Stato francese.

DPD deve controllare che le sue aziende subappaltatrici rispettino la legge e intervenire qualora vengano riscontrate infrazioni, ricorda Unia. Poiché ciò non accade, il sindacato chiama in causa PostCom in qualità di autorità di vigilanza per il mercato postale. Anche gli ispettorati cantonali del lavoro devono agire in caso di evidenti violazioni della legge sul lavoro, conclude Unia, secondo cui è necessario un nuovo contratto collettivo di lavoro per il ramo professionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
2 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
2 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
GRIGIONI
5 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
GINEVRA
8 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
9 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
10 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
12 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
19 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile