Tamedia
SVIZZERA
24.02.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:31

Svizzera favorevole all'iniziativa anti-burqa (soprattutto il Ticino)

Secondo il terzo rilevamento di 20 minuti e Tamedia, il 59% dei cittadini intende accettare la proposta

Si delinea invece una bocciatura per l'identità elettronica. Mentre l'accordo di libero scambio con l'Indonesia potrebbe passare, ma sono ancora molti gli indecisi

BERNA - È ormai praticamente certo: il prossimo 7 marzo dalle urne scaturirà un “sì” per l'iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso” (Iniziativa anti-burqa). Lo conferma il terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia, a cui hanno preso parte quasi 14'000 persone da tutta la Svizzera. Rispetto al precedente rilevamento, i favorevoli sono leggermente in calo, ma restano comunque al 59%. Il 40% dei cittadini intende invece bocciare la proposta.

La regione con più favorevoli resta la Svizzera italiana, con una percentuale del 68% (nella Svizzera francese sono il 59% e in quella tedesca il 58%). Lo ricordiamo, in Ticino la legge cantonale sulla dissimulazione del volto è realtà dal luglio del 2016, dopo che nel 2013 il 65% dei cittadini aveva approvato la relativa iniziativa.

Per quanto riguarda l'iniziativa anti-burqa in votazione il prossimo 7 marzo, il sostegno proviene soprattutto dai partiti del centro-destra (tra gli elettori dell'UDC si dichiara favorevole il 93% dei votanti). Ma dal sondaggio emerge che comunque a sinistra all'incirca una persona su tre intende accettare la proposta.

Vita difficile per l'identità elettronica - Il prossimo 7 marzo saremo chiamati a esprimerci anche sulla legge federale sui servizi d'identificazione elettronica. Se lo scorso gennaio l'esito del voto era ancora incerto, ora si delinea una bocciatura. Attualmente il 56% degli interpellati intende infatti votare “no”. Una maggioranza di favorevoli si riscontra soltanto tra le fila del PLR (60%), del PPD (57%) e dei Verdi liberali (in questo caso il sostegno è di poco superiore al 50%).

Ma qual è il motivo che fa propendere il voto verso il “no”? I contrari ritengono che l'emissione di strumenti d'identificazione debba restare nelle mani dello Stato, anche nel caso dell'identità elettronica.

Libero scambio con l'Indonesia: forse sarà un “sì” - Non è infine ancora chiaro il destino del terzo oggetto federale in votazione, l'accordo di libero scambio tra gli Stati AELS e l'Indonesia. Dal rilevamento emerge comunque un leggero vantaggio per i favorevoli, che attualmente si attestano al 52%. Restano comunque molti coloro che non hanno ancora deciso come votare (6%).

Dal punto di vista regionale, l'accordo di libero scambio trova sostegno soprattutto nella Svizzera tedesca (56%). In Ticino i favorevoli raggiungono invece il 50%, mentre in Romandia solo il 41%. I dubbi sono dovuti in particolare alla produzione dell'olio di palma, che avverrebbe senza dei meccanismi di controllo efficaci.

Il sondaggio

Sono 13'924 le persone da tutta la Svizzera che dal 18 al 19 febbraio 2021 hanno preso parte al terzo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 7 marzo 2021. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,3%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Berna
7 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
8 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
10 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
11 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
11 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
12 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
13 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
14 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
ZURIGO
15 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
BERNA
16 ore
Droghe, la lista si allunga
L'elenco degli stupefacenti viene integrato con delle "new entry"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile