Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
21.02.21 - 19:040
Aggiornamento : 21:04

La Svizzera potrebbe (ri)vendere i vaccini AstraZeneca

Cattiva reputazione e mancata omologazione potrebbero spingere la Confederazione a rinunciare al vaccino.

Fra quelle che per ora sono solo ipotesi c'è anche la possibilità di annullare l'ordinazione.

BERNA - La Confederazione starebbe valutando la possibilità di rivendere i vaccini contro il coronavirus prodotti da AstraZeneca. Come anticipato dalla Nzz am Sonntag, che ha interpellato la vice direttrice dell'Ufficio federale di sanità pubblica (Ufsp) Nora Kronig, le autorità stanno infatti esaminando di cedere a qualcun altro il preparato dell'azienda biofarmaceutica anglo-svedese.

Lo scorso mese di ottobre – ricordiamo – Berna aveva stipulato un contratto per la fornitura di un massimo di 5,3 milioni di dosi di vaccino. Tuttavia la sua somministrazione non è mai stata autorizzata da Swissmedic in quanto «i dati finora disponibili e analizzati non sono ancora sufficienti per procedere con un'omologazione». Occorrono infatti ulteriori dati di nuovi studi per ottenere informazioni sulla sicurezza, sull'efficacia e sulla qualità.

Ecco quindi farsi largo l'ipotesi di rinunciare al preparato di AstraZeneca, focalizzando la compagna di vaccinazione sugli unici due vaccini già omologati da Swissmedic – Pfizer/BioNTech (ca. 3 mio. di dosi) e Moderna (13 mio.)  – e su quelli ancora in fase di sviluppo ma per i quali la Svizzera ha già sottoscritto un contratto: Curavac (5 mio.) e Novavax (6 mio.).

Anche un annullamento dell'ordinazione – che per il momento non è comunque un'opzione – sarebbe possibile tramite una clausola che consente all'acquirente di fare un passo indietro in caso di efficacia insufficiente del prodotto. Dal canto suo, AstraZeneca ignora qualsiasi intenzione di rinuncia da parte della Confederazione. Al contrario, si sta preparando alla distribuzione dei vaccini, ha assicurato al giornale zurighese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
13 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
13 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
17 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
17 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
18 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
19 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
21 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile