Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.02.21 - 10:190
Aggiornamento : 15:49

Non ti vaccini? Sui mezzi pubblici terrai la mascherina

Guy Parmelin attribuisce una grande importanza alla sicurezza

Se «nello spazio pubblico le misure devono tuttavia in generale essere le più morbide possibili - aggiunge -, troverei comprensibile se un festival di musica esigesse una prova della vaccinazione».

Nei trasporti pubblici potrebbe essere imposto l'obbligo delle mascherine per le persone non vaccinate. È quanto ha affermato il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un'intervista rilasciata alla NZZ am Sonntag.

«Presumo che un test negativo potrebbe essere sufficiente per accedervi. Ma il test deve essere effettuato lo stesso giorno», ha aggiunto il consigliere federale.

«Nello spazio pubblico, tuttavia, le misure devono in generale essere le più morbide possibili», ha sottolineato ancora Parmelin. Il capo del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) attribuisce una grande importanza alla sicurezza. «Troverei comprensibile se un festival di musica esigesse una prova della vaccinazione». In linea di massima, gli organizzatori privati sono liberi in questo ambito e potrebbero quindi escludere le persone non vaccinate, qualora lo desiderino.

Il Consiglio federale deve pronunciarsi
Il Consiglio federale deve ancora discutere delle norme da applicare nei luoghi pubblici. Ma in Svizzera le regole in materia di igiene e di distanziamento sociale continueranno «ad essere applicate certamente per un certo periodo di tempo», ha sottolineato il presidente della Confederazione.

Rimangono ancora una serie di domande senza risposta in merito alle vaccinazioni. «Sappiamo che il vaccino protegge contro l'infezione. Ma non sappiamo ancora, ad esempio, se le persone che sono state vaccinate possono trasmettere il virus».

Una frecciatina ai cantoni
Il Vodese ha pure lanciato una frecciatina alle autorità cantonali riguardo ai test. «I cantoni devono muoversi ora. Chiedo loro di fare più test». Taluni cantoni hanno domandato l'apertura immediata dei ristoranti, ma nel contempo non effettuano abbastanza test: «Così non va».

La Confederazione paga i test a tappeto: «Si tratta di una questione di volontà e di personale disponibile», ha proseguito il consigliere federale. Tuttavia Berna non può obbligare, dal punto di vista giuridico, le autorità cantonali ad effettuare i test. Ma ciò sarebbe anche nell'interesse economico degli stessi cantoni, poiché i test consentono di individuare e di isolare rapidamente le persone asintomatiche contagiate. In tal modo si spezzerebbero le catene dei contagi.

Campagne per test mirati potrebbero, ad esempio, impedire che le scuole vengano chiuse per un lungo periodo, ha ancora rilevato il ministro. Inoltre, si potrebbero pure evitare assenze dal lavoro e quarantene nelle aziende.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
4 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
4 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
7 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
7 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
8 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
9 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
9 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
11 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
12 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile