Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.02.21 - 10:190
Aggiornamento : 15:49

Non ti vaccini? Sui mezzi pubblici terrai la mascherina

Guy Parmelin attribuisce una grande importanza alla sicurezza

Se «nello spazio pubblico le misure devono tuttavia in generale essere le più morbide possibili - aggiunge -, troverei comprensibile se un festival di musica esigesse una prova della vaccinazione».

Nei trasporti pubblici potrebbe essere imposto l'obbligo delle mascherine per le persone non vaccinate. È quanto ha affermato il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un'intervista rilasciata alla NZZ am Sonntag.

«Presumo che un test negativo potrebbe essere sufficiente per accedervi. Ma il test deve essere effettuato lo stesso giorno», ha aggiunto il consigliere federale.

«Nello spazio pubblico, tuttavia, le misure devono in generale essere le più morbide possibili», ha sottolineato ancora Parmelin. Il capo del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) attribuisce una grande importanza alla sicurezza. «Troverei comprensibile se un festival di musica esigesse una prova della vaccinazione». In linea di massima, gli organizzatori privati sono liberi in questo ambito e potrebbero quindi escludere le persone non vaccinate, qualora lo desiderino.

Il Consiglio federale deve pronunciarsi
Il Consiglio federale deve ancora discutere delle norme da applicare nei luoghi pubblici. Ma in Svizzera le regole in materia di igiene e di distanziamento sociale continueranno «ad essere applicate certamente per un certo periodo di tempo», ha sottolineato il presidente della Confederazione.

Rimangono ancora una serie di domande senza risposta in merito alle vaccinazioni. «Sappiamo che il vaccino protegge contro l'infezione. Ma non sappiamo ancora, ad esempio, se le persone che sono state vaccinate possono trasmettere il virus».

Una frecciatina ai cantoni
Il Vodese ha pure lanciato una frecciatina alle autorità cantonali riguardo ai test. «I cantoni devono muoversi ora. Chiedo loro di fare più test». Taluni cantoni hanno domandato l'apertura immediata dei ristoranti, ma nel contempo non effettuano abbastanza test: «Così non va».

La Confederazione paga i test a tappeto: «Si tratta di una questione di volontà e di personale disponibile», ha proseguito il consigliere federale. Tuttavia Berna non può obbligare, dal punto di vista giuridico, le autorità cantonali ad effettuare i test. Ma ciò sarebbe anche nell'interesse economico degli stessi cantoni, poiché i test consentono di individuare e di isolare rapidamente le persone asintomatiche contagiate. In tal modo si spezzerebbero le catene dei contagi.

Campagne per test mirati potrebbero, ad esempio, impedire che le scuole vengano chiuse per un lungo periodo, ha ancora rilevato il ministro. Inoltre, si potrebbero pure evitare assenze dal lavoro e quarantene nelle aziende.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
1 ora
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
6 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
7 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
9 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
11 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
11 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
12 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
13 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
14 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile