Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.02.21 - 15:510

«È stato un anno da dimenticare»

Il direttore di Svizzera Turismo Martin Nydegger ha commentato i dati odierni sui pernottamenti.

L'assenza di turisti stranieri ha pesato fortemente sul risultato, sebbene gli svizzeri abbiano in parte compensato le perdite. E anche il 2021 non è partito nel migliore dei modi: «Quest'anno speriamo anche nei visitatori europei».

BERNA - «Il 2020 per il turismo elvetico è stato un anno da dimenticare». Non utilizza giri di parole Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo, commentando i numeri presentati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Dopo un pessimo 2020, anche l'anno in corso si prospetta difficile per l'industria del turismo elvetico. A partire dalla stagione invernale, poiché secondo Nydegger, nonostante l'ottima neve e le condizioni meteorologiche fantastiche, c'è ancora molto da fare: «La gente non vuole mangiare il bratwurst sulla neve, ma a tavola», afferma il direttore di Svizzera Turismo nel corso di una conferenza stampa organizzata con l'UST e l'associazione di categoria Hotelleriesuisse.

La chiusura dei ristoranti, anche nelle stazioni sciistiche, rappresenta un problema e sono dunque da attendersi nuove perdite. Attualmente alcuni Cantoni - tra cui Ticino e Grigioni - hanno almeno concesso l'apertura e l'utilizzo delle terrazze sulle piste da sci.

Secondo Nydegger, se la situazione pandemica dovesse svilupparsi positivamente, i turisti provenienti dai paesi limitrofi dovrebbero tornare ad aumentare all'inizio della stagione estiva. In seguito, tra la metà dell'estate e l'autunno, si potrà prevedere il ritorno di viaggiatori provenienti dall'Asia e da altre regioni più lontane.

Il prerequisito è che «le condizioni quadro siano giuste: sosteniamo tutto ciò che va nella direzione di certificati sanitari o attestato di vaccinazione», sottolinea il numero uno dell'organizzazione di marketing che promuove, su mandato federale, la domanda turistica interna ed estera per la Svizzera.

Ospiti svizzeri e stranieri - Tornando sulle cifre dei pernottamenti, Nydegger ritiene che gli svizzeri abbiano prenotato così tante notti d'albergo nel loro Paese anche grazie ai grandi sforzi di marketing compiuti da Svizzera Turismo. Ad esempio, spiega, ci sono stati romandi che sono stati attratti dalle vacanze nella Svizzera tedesca - in particolare la Svizzera orientale e i Grigioni - e viceversa. Tuttavia, aggiunge, il piccolo mercato elvetico non ha potuto compensare «l'assenza di ospiti stranieri» nel 2020.

«Ci siamo concentrati soprattutto sull'informazione e quindi abbiamo raggiunto anche gli ospiti nazionali che non sono ancora così familiari con la Confederazione come destinazione di vacanza", sostiene il direttore di Svizzera Turismo, secondo cui molti pernottamenti di cittadini elvetici sono avvenuti anche nel corso dell'autunno, che solitamente rappresenta un periodo poco popolare tra i viaggiatori interni.

A farne maggiormente le spese sono stati gli hotel delle aree urbane, ad esempio Zurigo, Ginevra e Basilea, che in periodi normali godono della presenza di turisti provenienti principalmente dall'estero. Secondo Andreas Züllig, presidente di Hotelleriesuisse, gli alberghi di città hanno perso complessivamente circa due terzi del loro fatturato. Una quota decisamente superiore alle altre aree, nelle quali le entrate perse sono poco meno di un quarto.

Tuttavia, precisa Züllig, «ci sono anche molte altre regioni alpine, come Zermatt (VS), che dipendono molto dagli ospiti stranieri» e che hanno sofferto molto della mancanza di domanda estera.

Per gli hotel delle zone urbane, che dipendono dalla domanda internazionale, la ripresa sarà collegata alla riapertura delle frontiere: «Contiamo sui visitatori europei quest'estate», si augura Züllig, secondo cui giocherà un ruolo chiave anche un certo «ritorno alla normalità», con la riapertura di musei, negozi e ristoranti per poter rendere nuovamente attraenti i centri città.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Chi l'avrebbe mai detto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
57 min
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
2 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
5 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
5 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
6 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
8 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
9 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
12 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
14 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
23 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile