Keystone (archivio)
SVIZZERA
19.02.21 - 10:320

«L'accordo non spingerà l'Indonesia a un'agricoltura più equa»

La Società per i popoli minacciati invita a bocciare il testo in votazione il prossimo 7 marzo.

L'organizzazione spiega che quanto promesso nell'accordo in termini di sostenibilità è «ben lontano dalla realtà attuale della produzione di olio di palma».

BERNA - L'accordo di libero scambio con l'Indonesia - in votazione il 7 marzo - non fornisce una base sufficiente per spingere il paese asiatico verso un'agricoltura equa e sostenibile. È quanto ritiene la Società per i popoli minacciati (SPM), che in una nota odierna invita a bocciarlo.

Pur ammettendo che collegare sgravi doganali per l'olio di palma a disposizioni sulla sostenibilità possa costituire un'opportunità per negoziare futuri accordi commerciali, la SPM ritiene che l'intesa in questione non sia la strada giusta da percorrere. Inoltre, il dibattito su questo accordo economico va ben oltre la controversa questione dell'olio di palma: la popolazione locale indonesiana non beneficia in nessun caso degli investimenti stranieri nel paese.

La SPM sottolinea che quanto l'accordo promette in termini di sostenibilità «è ben lontano dalla realtà attuale della produzione di olio di palma». L'Indonesia è il maggiore produttore mondiale di questo grasso: grandi aree di foreste scompaiono per far posto alla produzione di monocolture su scala industriale. Queste foreste costituiscono tuttavia la linfa vitale per la maggior parte delle oltre 300 comunità indigene della Papua occidentale.

Per proteggere la foresta, l'olio di palma deve essere prodotto in modo sostenibile, e per questo sono necessarie misure vincolanti. Ma l'accordo di libero scambio, nella sua forma attuale, non soddisfa questo criterio, conclude la SPM. Per questo motivo l'intesa, che non porta alcun miglioramento per le comunità indigene, dovrà essere respinta alle urne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pontsort 4 mesi fa su tio
Accordo da bocciare
Nikko 4 mesi fa su tio
Concordo completamente!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Viaggi all'estero: tutto quello che ora c'è da sapere
Da settimana prossima saltano ulteriori limitazioni per gli ingressi in Svizzera. Ecco cosa cambia per i viaggiatori
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Neve a giugno? No: un'autostrada di grandine
Oltre Gottardo continuano le precipitazioni e gli allagamenti. Dal Giura bernese a Basilea passando per Zurigo
SVIZZERA
10 ore
Trentadue domande (e risposte) sugli allentamenti
Da sabato prossimo il nostro Paese vivrà una nuova fase di (grandi) allentamenti.
SVIZZERA
11 ore
Il mondo della notte festeggia il suo ritorno in pista
La Federazione svizzera per club e festival è soddisfatta degli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale.
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera toglie la mascherina e torna in ufficio
Ecco tutti gli allentamenti che entreranno in vigore il prossimo sabato 26 giugno
SVIZZERA
15 ore
Altri 154 contagi e due decessi in Svizzera
Sono sedici gli svizzeri che hanno necessitato di un ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP.
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
15 ore
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
SVIZZERA
16 ore
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
ZURIGO
17 ore
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
ARGOVIA
19 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile